Fino a che età si può guidare l’auto secondo la normativa in vigore

L'età influenza la guida ed è sempre importante una corretta valutazione per mantenere alto il livello di sicurezza

Molti automobilisti si chiedono fino a che età è consigliabile guidare. La verità è che non esiste una data precisa poiché ogni persona è diversa e la condizione fisica di ciascun individuo conta più della data di nascita che ha messo sul proprio documento d’identità. Non si può fissare un’età massima per smettere di guidare , poiché ci sono persone che a 50 anni sono già in condizioni fisiche e mentali peggiori di altre che hanno 65 o addirittura 75 anni.

A che età dovremmo smettere di guidare

Il trascorrere degli anni comporta una serie di effetti generali dell’invecchiamento che possono essere negativi per la guida. Pensiamo alla rigidità nei muscoli e nelle articolazioni che può rendere difficile girare la testa per controllare i punti ciechi. Naturalmente ai riflessi diminuiti che fanno reagire più lentamente quando si frena o si gira la ruota in caso di un imprevisto.

Ecco quindi le difficoltà visive soprattutto quando si viaggia di notte o di fronte ai riflessi. I problemi di udito rendono difficile sentire il rumore del motore o gli avvisi di altre auto. Da non sottovalutare le complicazioni per dividere l’attenzione tra più compiti, come guardare il cruscotto del veicolo o il navigatore e contemporaneamente occuparsi della strada.

Ecco quindi i problemi alla guida in zone sconosciute, congestionate o in qualsiasi situazione che generi stress. Da ricordare anche la maggiore propensione alla fatica, la difficoltà a leggere rapidamente indicazioni e segnali, e i problemi durante la guida in condizioni meteorologiche avverse come pioggia e nebbia. La comparsa di questi sintomi è solitamente progressiva. La guida non va quindi abbandonata con le prime carenze, soprattutto se sono lievi e ci permettono comunque di viaggiare in sicurezza al volante.

Consigli per guidare sempre in sicurezza

Non essendoci un’età precisa consigliata per smettere di guidare, dobbiamo prendere questa decisione in base ai risultati delle visite mediche che effettuiamo per rinnovare la patente oppure tenendo conto dei seguenti cartelli che ci avvisano che dobbiamo iniziare a parcheggiare l’auto in modo permanente. Ad esempio se l’autista stesso comincia a notare una certa insicurezza. Ha più distrazioni ed errori nei soliti percorsi. I viaggi noti richiedono più tempo del solito. Gli amici e la famiglia esprimono dubbi per continuare a guidare. Chi è al posto del passeggero è rigido, spaventato, corregge errori di guida o esprime chiaramente la propria paura. Il conducente subisce con una certa frequenza piccoli incidenti, abrasioni e collisioni.

In molte occasioni, sono gli stessi conducenti più anziani a rifiutarsi di ammettere tutti questi errori. L’intervento di familiari e amici per cercare di farli smettere di guidare è quindi fondamentale per salvaguardare sia la loro sicurezza che quella degli altri utenti della strada.

Articolo precedenteMaserati Ghibli Operanera e Operabianca, edizione limitata per lo stile Fujiwara
Prossimo articoloAuto aziendale 2021: qual è la convenienza economica e fiscale