Byd Seal U DM-i, l’ibrida con 1.000 km di autonomia con un solo rifornimento totale

La caratteristica del design del profilo del suv Byd Seal U DM-i è la nervatura sotto la linea di cintura che percorre tutta la fiancata

Byd Seal U DM-i

Tra i brand cinesi più dinamici nel mercato europeo e italiano, spicca Byd, che dopo aver introdotto una gamma di cinque modelli elettrici, si rivolge anche a chi non è ancora pronto per il passaggio totale all’elettrico con la Seal U DM-i, versione plug-in del suv Seal U.

Esternamente, questo modello è quasi identico alla versione a batteria, distinguendosi solo per il paraurti anteriore modificato per le prese d’aria del motore endotermico. Con una lunghezza di 4,77 metri, una larghezza di 1,89 metri e un’altezza di 1,67 metri, la Seal U DM-i ha un design arrotondato e muscoloso, caratterizzato da nervature laterali dinamiche e una firma luminosa posteriore a tutta larghezza.

Qualità premium per Byd Seal U DM-i

All’interno, l’abitacolo della Seal U DM-i si distingue per la qualità premium, con assemblaggi curati e materiali sostenibili come la pelle vegana, arricchiti da cuciture a contrasto. La strumentazione include un cluster da 12,3 pollici e un display per l’infotainment da 15,6 pollici, che può ruotare di 90 gradi in posizione verticale. Il sistema operativo è compatibile con Apple CarPlay e Android Auto wireless, e consente di controllare diverse funzioni del veicolo tramite l’app Byd.

Tra le dotazioni di serie spiccano l’head-up display, il tetto panoramico in cristallo, i sedili elettrici riscaldabili e il filtro PM 2.5 per la purificazione dell’aria. Lo spazio a bordo è generoso, specialmente per i passeggeri posteriori, anche se ciò sacrifica il volume del bagagliaio, che varia da 425 a 1.440 litri, limitato anche dal serbatoio della benzina da 60 litri.

Il sistema DM-i (Dual Mode intelligent) consente di utilizzare la trazione elettrica o ibrida, gestita automaticamente dalla centralina. Di base, il veicolo viaggia in modalità elettrica, con il motore benzina 1.5 aspirato da 96 cv che supporta il motogeneratore da 128 cv, per una potenza complessiva di 218 cv. Il motore termico interviene per ricaricare le batterie, dare più spunto in accelerazione o mantenere la trazione anteriore in extraurbano.

Sono disponibili due varianti di batteria al litio-ferrofosfato: una da 18,3 kWh per 80 km di autonomia elettrica e una da 26,6 kWh per 125 km, entrambe ricaricabili fino a 11 kW in AC e 18 kW in DC. Esiste anche una versione a trazione integrale con motore 1.5 turbo da 128 CV, un secondo motore elettrico sull’asse posteriore e una potenza complessiva di 319 cv.

Byd Seal U DM-i, autonomia da record

Byd Seal U DM-i dimostra fluidità e comodità di marcia. In modalità EV, il 75% della carica si esaurisce in circa 70 km, dopodiché il motore termico interviene in modo discreto, sia per il rumore minimo sia per il passaggio fluido dalla trazione elettrica a quella ibrida. Le sospensioni sono tarate per il massimo comfort, smorzando le asperità del terreno, anche se comporta un certo rollio in curva. Lo sterzo è preciso ma leggero.

Byd Seal U DM-i è già ordinabile. Il modello base Boost parte da 39.800 euro, mentre la versione top di gamma a trazione integrale Design costa 47.800 euro, entrambe rientranti negli incentivi. Dopo l’estate, è attesa la versione Comfort con batteria di maggior capacità. BYD garantisce la vettura per 6 anni o 150.000 km, la batteria per 8 anni o 200.000 km (fino al 70% di autonomia) e il motore per 8 anni o 150.000 km.

Articolo precedenteLexus UX, il restyling del suv sportivo per il piacere di guida
Prossimo articoloJeep Avenger 4xe, come va il suv con la trazione integrale