Telepedaggio europeo: in arrivo un sistema unico di pagamento

Si punta a facilitare le operazioni di passaggio al casello e a ridurre l'evasione

telepedaggio europeo

Spostarsi da un Paese ha un altro è ormai diventato sempre più facile anche per chi decide di farlo in auto. I nuovi modelli garantiscono infatti notevoli risparmi a livello di consumi ed emissioni. Le agevolazioni non sono finite qui: ecco ora il telepedaggio europeo per chi viaggia all’interno del nostro Continente.

Telepadaggio europeo: viaggiare diventa più semplice

E’ arrivato il via libera da parte della Commissione Trasporti del Parlamento Europeo per l’approvazione del nuovo servizio europeo di telepedaggio. C’è però ancora un passo da compiere prima del’entrata in vigore definitiva del provvedimento, il passaggio dalla plenaria del Parlamento europeo per poi arrivare alla negoziazione con gli Stati membri.

Il sistema consentirà di poter usufruire di un dispositivo unico a livello europeo per il pagamento del pedaggio autostradale. A usufruire di questo vantaggio non saranno solo gli automobilisti abituati a spostarsi frequentemente in autostrada. Tra i beneficiari ci saranno anche gli autotrasportatori che possono spesso andare incontro a disagi nel pagamento del casello.

Telepedaggio europeo: come funziona

Il telepedaggio europeo nasce con l’obiettivo di uniformare il sistema di pagamento del pedaggio autostradale nei Paesi dell’UE, finora gestiti in maniera autonoma dai vari gestori. Si tratta di un importante passo avanti che arriva a pochi mesi di distanza dall’approvazione del Telepass europeo, disponibile al momento per chi viaggia in Italia, Spagna, Portogallo e Francia.

Il funzionamento sarp davvero immediato: “Sarà un sistema omogeneo. Le tecnologie di telepedaggio stradale che l’Europa è disposta ad accreditare (unità di bordo con tecnologia microonde, satellitare e comunicazioni mobili) – ha spiegato l’eurodeputato Maurizio Salini a Il Giornale – potranno convivere sul mercato. In questo modo gli operatori che vorranno offrire un servizio di telepedaggio in uno Stato Ue, dovranno renderlo applicabile anche negli altri”.

Al momento non si conoscono però ancora tempistiche definitive sull’entrata in vigore della norma.

Telepedaggio europeo: un risparmio per gli automobilisti

Uno degli aspetti positivi resi possibili dall’introduzione del nuovo dispositivo è dato dalla possibilità di spostarsi in maniera più agevole da un Paese all’altro dell’UE. Ogni operatore sarà così chiamato a rendere i propri dispositivi compatibili con le strutture di pedaggio autostradale presenti nelle altre nazioni.

Anche il portafoglio degli automobilisti potrà trarne un importante beneficio. Non sarà infatti più necessario essere in possesso di dispositivi di tipo diverso (con relativi costi anche in caso di sottoscrizione di un abbonamento) a seconda della zona in cui si dovrà viaggiare. Sarà così più difficile che possano verificarsi situazioni di traffico congestionato con relativa perdita di tempo per chi si trova al volante. Non è finita qui: un sistema più uniforme punta inoltre a ridurre il più possibile l’evasione, fenomeno ancora troppo diffuso. I numeri in questo ambito sono infatti davvero impietosi: secondo le ultime stime si arriverebbe addirittura a 150 milioni di euro di pedaggi non pagati.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × 4 =