Frizione strappa: perché e quali sono i rimedi

Anche il guidatore modello può risentirne. Colpa di guasti meccanici

Frizione strappa

Allarme rosso. La frizione strappa. Si prova a capire, testardamente, cosa succede: risultati zero. In una prima frase sorge spontaneo interrogarsi sulle abitudini alla guida. Possibile, ma altrettanto di frequente nasconde problemi meccanici. Sui quali ci soffermiamo in questo manuale.

Frizione strappa: ecco le cause

Se esegue movimenti anomali e si disallinea rispetto all’albero del cambio, anche lievemente, vuol dire che il parastrappi non va come dovrebbe. Al volante viene avvertita maggiore resistenza e inerzia dell’avanzamento, così come nella ripartenza. Sul perché, registriamo opinione unanime: il cuscinetto di guida reggispinta è usurato e potrebbe subire ulteriore danni. Quando il cambio fa rumore occorre agire e subito, onde evitare che sia troppo tardi. I disagi si spiegano, ancora, nel disco frizione disallineato rispetto all’albero del cambio. Che, durante il funzionamento, può arrivare fino a danneggiare le gole di accoppiamento col millerighe del cambio. A danno compiuto non c’è più trasmissione di moto tra il volano del motore e l’albero del cambio: le ruote si arrestano.

Fischiano le orecchie

Sebbene venga citato solo sporadicamente, il parastrappi svolge un fondamentale compito. Questo sistema, generalmente applicato al mozzo o sulla periferia del diametro medio del disco, assorbe l’energia prodotta dalle torsioni dannose tra il volante e l’albero del cambio. Così protegge la trasmissione ed elargisce maggiore comfort negli stop&go quando si creano colonne. Errori commessi in sede di progettazione o disaccoppiamento del disco possono arrecare danni. Per preservarne lo stato, meglio non guidare nel traffico ad alti regimi. Capire se (e quando) sta per cedere è questione di poco: gli strattoni provenienti dal cambio si amplificano notevolmente. Nel caso, meglio correre in officina. Chiudiamo, a ritroso, con la situazione tipo: si sente rumore a premere il pulsante della frizione. Che continua per qualche secondo anche una volta rilasciato. In cima ai “sospetti” il cuscinetto reggispinta della frizione, presumibilmente usurato.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

18 − 14 =