Batterie auto e ricariche più efficienti per inquinare meno: la soluzione

Il problema dell'inquinamento legato ai veicoli è centrale nelle discussioni su cambiamento climatico e inquinamento urbano

Batterie auto e ricariche più efficienti

Il 2024 è un anno fondamentale per il mondo delle auto sotto il profilo della sicurezza e della decarbonizzazione, due temi al centro delle politiche di sostenibilità. Le tecnologie emergenti, come l’intelligenza artificiale applicata all’automotive, stanno aprendo nuove prospettive, affrontando sfide e creando opportunità per un settore in rapida evoluzione.

L’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale e di adempiere a normative sempre sulle emissioni è ormai una priorità. In questo contesto, la transizione verso la mobilità elettrica emerge come strategia chiave, sebbene le aziende debbano navigare l’incertezza legata alla disponibilità di infrastrutture di ricarica. L’efficienza di queste infrastrutture, centrali per garantire l’uso di energia rinnovabile e ottimizzare la gestione della batteria, sarà determinante per la diffusione su larga scala dei veicoli elettrici all’interno delle flotte aziendali.

Così si riduce l’impatto ambientale delle batterie auto

Sul fronte della sostenibilità, il Report sulla sostenibilità e l’impatto ambientale 2023 di Geotab sottolinea come l’analisi data-driven stia facilitando le aziende a raggiungere obiettivi di salvaguardia climatica in maniera efficiente. Il documento mette in luce la complessità di equilibrare le necessità aziendali con l’imperativo di ridurre l’impatto ambientale, evidenziando come il crescente bisogno di viaggi di lavoro influisca su questo bilanciamento.

L’analisi dei dati e l’intelligenza artificiale emergono come strumenti fondamentali nel processo di trasformazione verso la sostenibilità, permettendo decisioni informate e monitorando i progressi in ogni fase. Questo include l’ottimizzazione delle rotte, la gestione delle emissioni e l’adattamento dei comportamenti di guida, il che non solo favorisce la sostenibilità ma aiuta anche a contenere i costi e migliorare la redditività aziendale.

Nel settore assicurativo, la telematica offre soluzioni innovative che trasformano il fleet management, con aziende come Targa Telematics che stanno guidando l’innovazione. Queste tecnologie permettono agli agenti e ai broker di espandere il loro portafoglio offrendo prodotti telematici avanzati.

Il tracking dei veicoli, ad esempio, non solo migliora la pianificazione dei percorsi e facilita l’assegnazione dei veicoli in base alla loro posizione, ma aiuta anche nella programmazione della manutenzione e fornisce report dettagliati sull’attività dei veicoli, migliorando così la gestione dei sinistri e l’efficienza operativa. Questo approccio non solo aumenta la sicurezza e riduce i costi, ma apre anche nuove opportunità di business nel mondo delle assicurazioni, sfruttando al meglio le potenzialità offerte dalla telematica avanzata.

Innovazioni nelle batterie e sistemi di ricarica avanzati

Le batterie per veicoli elettrici stanno vivendo una rivoluzione tecnologica. Gli sviluppi hanno portato a batterie con densità energetica maggiore, che si traduce in maggiori autonomie con una singola carica. L’efficienza di queste batterie non è misurata solo in termini di capacità, ma anche di durata e velocità di ricarica. Le nuove tecnologie, come le batterie a stato solido, promettono di migliorare questi aspetti, offrendo tempi di ricarica ridotti e una maggiore sicurezza, grazie all’assenza di liquidi infiammabili.

In parallelo al miglioramento delle batterie, c’è un intenso lavoro sul fronte dei sistemi di ricarica. La diffusione di stazioni di ricarica rapida è fondamentale per aumentare l’attrattiva dei veicoli elettrici. Le nuove tecnologie di ricarica mirano a ridurre i tempi necessari per una ricarica completa, rendendo il processo paragonabile al tempo impiegato per fare rifornimento di benzina. L’integrazione di fonti di energia rinnovabile nelle infrastrutture di ricarica sta diventando una priorità, allo scopo di ridurre l’impronta di carbonio dei veicoli elettrici.

Articolo precedenteIntelligenza artificiale, come interviene in caso di furti e incidenti
Prossimo articoloMobilità connessa, un milione di auto con dispositivi telematici