Revisione auto all’estero: tutte le perplessità

Non risulta possibile effettuare la revisione di un’auto a targa italiana all’estero, e questo genera una serie di criticità che vanno analizzate

In molti pensano che effettuare una revisione auto all’estero sia una pratica complicata, ma possibile. In realtà tutti i dubbi e le incertezze crollano facilmente: non è contemplata una revisione di un’auto a targa italiana in uno stato estero, anche se dell’Unione Europea. E questo vale anche per le auto a targa straniera presenti sul territorio italiano. Tutto ciò genera una serie di problematiche non di poco conto. Sviluppiamo l’argomento.

Revisione auto all’estero, unica certezza: farla in Italia

Poniamo il caso di un cittadino italiano residente all’estero per motivi di studio, che si porta con sé il suo veicolo. Prima o poi l’auto dovrà essere oggetto di revisione, pratica che negli ultimi tempi è diventata oggetto di controlli più sofisticati. Purtroppo non è possibile poter effettuare nessun tipo di revisione in uno stato estero, perché non sarebbe valida a tutti gli effetti. E questo vale anche per i paesi dell’UE. Ogni auto deve essere revisionata nel proprio paese seguendo le rispettive regole. Quindi l’unica possibilità, per lo studente italiano, è quella di rientrare col veicolo nel confine italiano, per poi espletare la pratica presso un qualsiasi centro autorizzato.

Problematiche logistiche e legali

Ovviamente la prima considerazione da fare è legata alla logistica: far rientrare il veicolo per la revisione non è come bere un bicchier d’acqua, sono soldi e tempo che si perde. Allora può scattare la molla del “ma tanto l’auto rimane all’estero, a che mi serve la revisione?”. Legalmente una vettura non revisionata può circolare all’estero. Occhio però alla questione della ri-targazione: se stabilmente fuori dai confini nostrani, diventa d’obbligo cambiare targa. Altro nodo duro da sciogliere quello legato all’assicurazione. In caso di sinistro di un’auto italiana all’estero non revisionata l’assicurazione, che è italiana, potrebbe non pagare causa mancata revisione. In sostanza, quindi, è bene rispettare i termini e le scadenze per la revisione, cercando di ovviare le molteplici difficoltà logistiche.

Articolo precedenteAuto elettriche 2022, il mercato italiano è in crescita
Prossimo articoloSmart #1 il nuovo suv per riposizionarsi sul mercato dell’elettrico

1 commento

  1. Sono rimpatriato un anno fa dalla Danimarca con la mia auto portata dall’Italia in Danimarca tre anni fa e ritargata in Danimarca. Al mio rientro in Italia ho provveduto a ritargare di nuovo l’auto con targa italiana. Specifico che ho provveduto a far revisionare la mia auto regolarmente mentre ero in Danimarca nel 2022, la revisione è tutt’ora in corso di validità. Mi è pervenuta recentemente una sanzione per omessa revisione poichè la Polizia non rileva la revisione effettuata all’estero nel 2022. Come posso dimostrare d’aver effettuato la revisione ed annullare la sanzione? La Motorizzazione Civile può attestarlo? Grazie per la risposta.

Comments are closed.