Opel Grandland, test drive del nuovo suv compatto

Il suv compatto Grandland è la prima vettura Opel a introdurre il sistema Night Vision, una tecnologia basata su una telecamera a infrarossi

Il suv compatto Opel Grandland spicca per il rinnovamento grazie al contributo tecnologico, ma anche alla sua estetica rinnovata basata sul nuovo linguaggio del marchio, portando freschezza a questo modello uscito nel 2017 e che è ancora alla sua prima generazione. e modifiche a livello esterno si concentrano principalmente sul frontale con l’incorporazione del design Opel Vizor, presente in tutte le ultime versioni del marchio, e materializzato in una sottile griglia monopezzo in policarbonato nero lucido che integra ottiche più sottili e avanzate.

Cambiano anche i parafanghi, con una presa d’aria più sottile nella zona inferiore, oltre ad altre fiancate più stilizzate e verticali. Così, e sebbene mantenga le stesse dimensioni, appare più ampio e offre un aspetto più moderno e accattivante.

Design e interni Opel Grandland

La nuova Opel Grandland può equipaggiare l’ottica più evoluta del marchio, l’Intelli-Lux LED Pixel adattivo composto da 168 LED, che si adattano a ciò che troviamo sulla strada, anticipando e illuminando incroci o svolte, in oltre a combinare automaticamente abbaglianti e anabbaglianti. Il Grandland si modernizza e guadagna in qualità percepita con l’incorporazione del Pure Panel, che integra due schermi uniti dalla stessa cornice: una strumentazione digitale e il display multimediale.

Questo è presente in una qualsiasi delle versioni, sebbene in due dimensioni: nella finitura più basilare entrambe sono sette pollici, mentre dalla seconda finitura sono rispettivamente 12 e 10 pollici.

Il suv compatto è la prima vettura Opel a introdurre il sistema Night Vision, una tecnologia basata su una telecamera a infrarossi alloggiata dietro la griglia Opel Vizor che rileva pedoni, utenti vulnerabili o animali a 100 metri. Vengono mostrati sulla strumentazione e avvisano in anticipo il conducente della loro presenza.

I sedili AGR incorporano un’ampia varietà di regolazioni a seconda della versione, dall’inclinazione elettrica del sedile al supporto lombare elettropneumatico attraverso la funzione di memoria. Sono optional in tutte le finiture, ad eccezione del top di gamma Ultimate, sono rivestiti in pelle o Alcantara e possono essere dotati di vantaggi come il riscaldamento o la ventilazione.

Tecnologia e abitabilità

Pur mantenendo attivi tutti i suoi sistemi di sicurezza, aggiunge il Road Integration Assist, che aggiunge guida e centratura corsia lavorando in abbinamento al cruise control adattivo con funzione stop&go, in grado di riprendere la marcia dopo una sosta e utile soprattutto negli ingorghi. La nuova Opel Grandland mantiene le dimensioni quindi non ci sono cambiamenti in termini di abitabilità, che è identica nelle versioni termiche e nelle ibride plug-in, tranne che nella capacità del bagagliaio.

La fila di sedili posteriore offre uno spazio per le ginocchia più che evidente anche nella sua posizione più arretrata e sono abbastanza comodi, anche se c’è una grande differenza rispetto alla prima fila se i sedili AGR sono equipaggiati. Inoltre, poiché il tetto è inclinato dal montante C, ha anche un’ampia testata, consentendo ai passeggeri con un’altezza di circa 1,80 m di non toccare il soffitto.

Articolo precedenteFiat 500 vince il premio Small Car of the Year ai News UK Motor Awards
Prossimo articoloAdBlue, cosa succede quando finisce

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here