Mal d’auto: sintomi, cause e consigli utili per risolvere il problema

In base agli ultimi ricontri sono ben sette milioni gli italiani che soffrono di questo disturbo decisamente fastidioso

mal d'auto

Quando ci si appresta a fare un viaggio in macchina, soprattutto se di media o lunga durata, per molti può trasformarsi in una vera e propria sofferenza. Il mal d’auto è un problema da non sottovalutare, ma che può essere risolto con alcune semplici accortezze.

Mal d’auto: come riconoscerlo

Spostarsi con la propria vettura può essere piacevole, ma non per tutti. In base agli ultimi riscontri, infatti, sono ben sette milioni gli italiani che soffrono di chinetosi, meglio conosciuto come mal d’auto. Il disturbo si verifica soprattutto in caso di movimenti bruschi, come può accadere in caso di curve o salite particolarmente tortuose. In questi casi a essere sollecitato è l’apparato vestibolare, quello che si occupa di garantire l’equilbrio.

I sintomi sono abbastanza riconoscibili. La persona sofferente inizia infatti a sudare freddo, a diventare pallida e ad avvertire un forte senso di nausea. In alcuni casi non mancano nemmeno vertigini e moto. È possibile comunque provare a ridurre il fastidio cercando di rallentare la velocità e di rendere l’andatura meno turbolenta. In questi casi è infatti bene cercare di diminuire il più possibile brusche frenate e accelerazioni.

Mal d’auto: le cause

Ma cosa può provocare un disturbo così fastidioso? Tutto nasce dall’orecchio, un punto particolarmente sensibile soprattutto nei bambini, il cui apparato non è ancora del tutto formato.

In caso di movimenti bruschi, come può accadere in alcuni viaggi in auto, l’apparato vestibolare risulta essere maggiormente sollecitato, al punto tale da rendere difficile mantenere l’equilibrio. IL segnale di cambiamento di posizione viene continuamente inviato al cervello, un organo che inizia ad avvertire una sensazione di consusione al punto tale da non riuscire a mantenere l’equilibrio. I diversi segnali che gli giungono sollecitano determinati nervi che agiscono sull’apparato gastrico: questo provoca nausea e, in alcuni casi, anche vomito.

Mal d’auto: come risolvere il problema

Pur trattandosi di un problema decisamente fastidioso, è comunque possibile porre rimedio al mal d’auto. È innanzitutto possibile compiere un’azione di prevenzione soprattutto se si è consapevoli di dover affrontare un viaggio impegnativo, come può accadere ad esempio nelle strade di montagna. Chi soffre di cheratosi dovrebbe quindi preferire pasti leggeri e secchi (sono consigliabili cracker, grissini e biscotti) prima di salire a bordo. È inoltre consigliabile evitare bevande ghiacciate soprattutto se la temperatura esterna è particolarmente elevata.

Può essere inutile inoltre sedersi nei sedili anteriori (vale anche per chi viaggia in pullman). Gli esperti ritengono infatti che vedere la strada in maniera distinta può ridurre la sensazione di nausea perché il cervello risulta meno confuso. È assolutamente vietato leggere. In alcuni casi il problema viene quasi del tutto risolto mettendosi al volante.

Se questo non è sufficiente sono disponibili in commercio anche rimedi di tipo farmacologico di vario tipo. Tra i più diffusi ci sono i chewingum da assumere poco prima di mettersi in auto e le compresse, da prendere mezz’ora prima della partenza. Queste ultime però possono essere assunte solo su diretta prescrizione medica.

Per i più piccoli, tra cui il mal d’auto è davvero diffuso, sono invece consigliabili i braccialetti. In alternativa, sono disponibili anche cerotti e supposte specifiche.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

18 + due =