Opel Calibra 30 anni dopo, il ritorno della coupé

Inizialmente proposta con un 4 cilindri 2,0 litri, è stata disponibile anche in versione a trazione integrale

Sono già trascorsi 30 anni da quando la sportiva Opel Calibra ha fatto la sua comparsa sul mercato delle auto. E in questo 2019 a casa di Rüsselsheim ha deciso di omaggiare la coupé 2+2 che si era imposta per la linea indovinata dal punto di vista estetico e da quello aerodinamico. La chiave del suo successo, che nel primo anno ha raggiunto il traguardo di 29.431 unità vendute, si riassume nell’espressione “divertente e funzionale”.

Alla base del successo commerciale della coupé tedesca ci sono stati economicità nell’uso quotidiano e prezzi concorrenziali. Le 238.647 Opel Calibra prodotte nel corso di otto anni sono la testimonianza della popolarità di questa auto.

Motori e trazione integrale per Opel Calibra

L’evoluzione dei propulsori di Opel Calibra è emblematica: inizialmente proposta con un 4 cilindri 2,0 litri, Calibra è stata dopo poco disponibile anche in versione a trazione integrale. In seguito ha fatto la sua comparsa anche una versione Turbo 4×4 con motore da 204 CV e cambio a 6 marce. Successivamente è disponibile anche con un 6 cilindri a V di 2.498 cc a 24 valvole da 170 CV con cui ha raggiungeva i 100 chilometri orari con partenza fermo in 7.8 secondi.

E dal punto di vista sportivo, dopo aver esordito nel 1994 nel campionato tedesco DTM, Opel Calibra si è imposta nel campionato internazionale turismo con il pilota tedesco Manuel Reuter e una speciale versione a trazione integrale e motore V6 da 500 CV. Alle porte della sua uscita di scena, Opel Calibra ha ottenuto il massimo risultato nel campionato internazionale turismo: la versione a trazione integrale con motore V6 da 500 CV ha conquistato 9 vittorie e alla fine della stagione agonistica Manuel Reuter ha ottenuto il titolo piloti e la Opel quello costruttori.

Da segnalare anche la realizzazione della Color Edition, una serie speciale con insoliti colori. Hanno trovato spazio sugli interni con tessuti freschi e raffinati rivestimenti in pelle, nuove ruote in lega in chiari pacchetti di equipaggiamenti. Il canto del cigno è stata la serie speciale Last Edition. Molto prima che l’ultima Calibra uscisse dalla catena di montaggio, era già evidente che il progetto di Erhard Schnell sarebbe diventato un classico.

Cosa vuol dire Opel Calibra

Una curiosità: il nome Calibra deriva dalla parola inglese calibre che significa levatura, importanza, rango, capacità. Scegliendo questo nome il costruttore ha voluto sottolineare la personalità e la qualità di questo modello. Come previsto da una strategia introdotta qualche anno prima dalla Casa tedesca con le precedenti Corsa, Omega, Vectra, anche il nome di questa coupé, come quelli di tutte le autovetture Opel dell’epoca, terminava con la lettera A. I nomi dei veicoli commerciali terminavano invece con la lettera O.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tredici − 5 =