Multa a casa: validità in caso d’incidente, tempi e ricorso

La Cassazione emette sanzione su un tema soggetto a svariate interpretazioni.

Multa a casa

Se non sbagli tu, è l’altro conducente a cadere in errore. Fatto sta che, prima o poi, capita di imbattersi in un incidente. Il metodo più rapido per segnalarlo all’assicurazione consiste nella constatazione amichevole. Semplifica il processo di denuncia poiché, una volta compilato a dovere, viene inviato direttamente alla compagnia. Tale documento fornisce una visione completa e definita del sinistro, con indicazione della dinamica. Per entrambi i veicoli coinvolti bisogna utilizzare un solo modulo, due qualora ve ne siano tre e così via. Rivestono un ruolo decisivo le Forze dell’Ordine: se rilevano infrazioni, inviano la multa a casa, impossibilitati ad effettuare la constatazione immediata. Verbale sulla cui validità emergevano opinioni contrastanti. Dubbi dissipati dalla Cassazione con ordinanza 30353/17, depositata lo scorso 18 dicembre.

Multa a casa: quand’è autorizzata la contestazione differita

Gli Ermellini sanciscono che sul Codice della Strada stesso si trovano espressamente indicati i casi in cui non è necessaria la contestazione immediata. Codice normativo sulla quale si trova riportato anche l’accertamento della violazione in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo. Altri motivi della mancata contestazione immediata possono essere l’impossibilità di raggiungere un veicolo lanciato ad eccessiva velocità, l’attraversamento di un incrocio con il semaforo rosso e l’accertamento della violazione per mezzo di appositi apparecchi di rilevamento, come gli autovelox, direttamente gestiti dagli organi di Polizia Stradale. Questi, nell’impossibilità di fermare in tempo utile o nei modi regolamentari il trasgressore, consentono la determinazione e l’analisi dell’illecito in tempo successivo.

Multa a casa: tempistiche e ricorso

A ogni modo, l’automobilista può vedersi recapitare il verbale direttamente a casa. E non commette alcun reato di pirateria per omissione soccorso. La multa vale, purché arrivi entro 90 giorni dall’infrazione, altrimenti è nulla. Se tardiva va presentato ricorso, entro 30 giorni dalla notifica, al Giudice di Pace competente per il luogo dell’infrazione. Oppure, entro 60 giorni, al Prefetto.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × quattro =