Assicurazione online o tradizionale: vantaggi e svantaggi

Meglio un'assicurazione auto online o tradizionale: una breve guida per rispondere a questa domanda. Pregi e difetti delle due modalità

Polizza auto online o tradizionale
Meglio un'assicurazione auto online o tradizionale: ecco alcuni consigli.

Meglio un’assicurazione auto online o tradizionale? Domanda complicatissima. Entrambe hanno vantaggi e svantaggi. Il risparmio può esserci in ambo i casi, anche se, in genere, quelle sul web costano meno. Eppure quest’affermazione non è sempre vera. Osserviamo quindi nel dettaglio i punti di forza e quelli di debolezza di stipulare una polizza in maniera digitale o in maniera “tradizionale”.

Pro e contro assicurazioni online

Inizia a rispondere alla domanda se sia meglio un’assicurazione auto online o tradizionale osservando i pregi e i difetti della prima modalità per stilare una RCA. Realizzare un preventivo è in genere più immediato, anche se occorre sapere alcuni dettagli non banali (ad esempio il tipo di allestimento della propria vettura) che, magari, il vostro agente assicurativo “storico” conosce a memoria. Però è più rapido chiedere preventivi a più assicurazioni, oppure confrontare un maggior numero di offerte usando uno dei tanti siti nati con lo scopo di comparare le varie RCA. 

Stampare, compilare, scannerizzare e rispedire la documentazione, però, non è un’operazione semplice, specialmente per chi ha scarsa familiarità nell’utilizzo del computer (i cosiddetti analfabeti digitali; in Italia sono ancora molte le persone che non conoscono i rudimenti base dell’informatica). Le truffe, specialmente per i neofiti del web, sono più frequenti in ambito digitale rispetto al rapporto vis-à-vis con un broker o un agente che magari si conosce da tempo.

Pro e contro assicurazioni tradizionali

Fornire una risposta alla domanda se sia meglio un’assicurazione auto online o tradizionale è, come già scritto, complicato. Osserviamo, però, nel dettaglio le caratteristiche della modalità di stipula “storica” di una RCA. In questo secondo caso il maggior utilizzo di “risorse umane” genera costi per le compagnie che, a loro volta, riversano sull’entità complessiva del premio. Eppure questo elemento è al contempo anche un pregio, perché il rapporto umano, e questo vale soprattutto per i broker, spinge l’operatore a consigliare al meglio l’assicurato, stringendo nel tempo un rapporto di fiducia.

In fatto di costi, inoltre, non sempre le polizze auto stipulate in maniera tradizionale sono più onerose. L’agente, il sub-agente o il broker sovente hanno a disposizione il cosiddetto “monte-sconti”, un pacchetto di offerte applicabile a seconda delle esigenze del loro parco clienti. È più semplice, inoltre, per un agente stipulare accordi e convenzioni con aziende, associazioni e ordini professionali, al fine di promuovere le polizze con sconti tali da rendere i premi delle polizze realmente competitivi.

Articolo precedenteQuale auto per la famiglia comprare in base a prezzo e qualità
Prossimo articoloOmoda E5, elettrica da 430 chilometri di autonomia