Skoda Kodiaq 4×4, come va su strada il suv con la trazione integrale

Nel frontale della nuova Skoda Kodiaq 4x4 spicca la grande griglia ottagonale con inserti illuminati e debuttano i fari matrix Led

Skoda Kodiaq 4x4

Fino a qualche anno fa, Skoda si distingueva per il rapporto qualità-prezzo delle sue soluzioni, mantenendosi però sempre un gradino sotto Volkswagen. Con l’ultima generazione di modelli, come Superb e Kodiaq, questa percezione è cambiata. Senza voler diventare un marchio premium, la nuova Skoda Kodiaq dimostra il lavoro degli ingegneri cechi e abbandona definitivamente l’etichetta di entry level del Gruppo Volkswagen. Ora il suv boemo compete direttamente con modelli di marchi più blasonati, grazie a un livello qualitativo e dotazioni impensabili in passato.

Cosa colpisce della Skoda Kodiaq 4×4

Skoda Kodiaq di seconda generazione cresce di 61 millimetri, raggiungendo i 4.758 mm, e si abbassa di pochi millimetri, conferendole un’immagine rinnovata. Il cofano scolpito mette in risalto il logo Skoda rivisitato con finitura opaca, abbinato alla calandra esagonale, illuminabile su richiesta da 14 elementi che formano una striscia luminosa tra i fari. Anche la parte posteriore è completamente nuova, con un grande portellone e luci a tutta larghezza.

Entrando a bordo, si nota subito il salto qualitativo e il miglioramento netto dell’infotainment. La seconda generazione offre un display touch centrale da 13 pollici con comandi gestuali e vocali, rendendo il sistema di intrattenimento più reattivo e facile da usare. Debutta l’head-up display e sul tunnel centrale compare un pulsante configurabile che consente di gestire diverse funzioni con un solo comando, migliorando la comodità durante la guida quotidiana.

I sedili Ergo con funzione di massaggio pneumatico sono disponibili su richiesta. La connessione Internet permanente della Kodiaq permette aggiornamenti over-the-air, pianificazione del percorso online e numerosi servizi mobili di Skoda Connect. Tra le dotazioni spiccano la ricarica wireless ventilata per due smartphone.

Lo spazio a bordo è aumentato rispetto al passato: la versione a cinque posti offre un bagagliaio da 910 litri, espandibile a 2.105 litri abbattendo i sedili posteriori. La versione a sette posti dispone di 340 litri dietro la terza fila, espandibili a 845 litri con i sedili abbattuti e fino a 2.035 litri complessivi.

Ecco come va Skoda Kodiaq 4×4

Provata in versione 2.0 TDI da 193 CV e 400 Nm di coppia massima, con trazione integrale e cambio a doppia frizione DSG, Skoda Kodiaq ha impressionato nel primo contatto su strada per l’ottimo equilibrio generale. Il pacchetto Performance, che include modalità di guida selezionabili, ammortizzatori a controllo elettronico e sterzo a demoltiplicazione variabile, rende Skoda Kodiaq diesel più potente un’opzione ideale per chi cerca un suv spazioso, con dotazioni e finiture quasi da segmento premium e un comfort elevato.

Fuori dall’asfalto, Skoda Kodiaq si comporta egregiamente grazie a una buona altezza da terra, ai diversi driving mode e alla trazione integrale pronta all’occorrenza. Le prestazioni sono buone, con una velocità massima di 217 km/h e uno scatto da 0 a 100 km/h in 8 secondi. Per chi viaggia spesso con la famiglia numerosa o amici, i sette posti sono offerti di serie.

Articolo precedenteAuto Gpl e metano: come risparmiare con i costi di gestione
Prossimo articoloFiat 600 hybrid: dimensioni, motorizzazioni, allestimenti e prezzo