Limiti di velocità 2018: quali sono, sanzioni, posizione autovelox

Un veloce ripasso su quanto dispone il Codice della Strada

Limiti di velocità 2018

Limiti di velocità 2018 è fondamentale conoscerli. Intuitive le ripercussioni: oltre alla multa (anche parecchio “salata”), sia l’incolumità propria sia degli altri utenti della strada viene messa in pericolo.

Limiti di velocità 2018: collocazione degli autovelox e l’introduzione dei celeberrimi Scout Speed

Strada urbana 50 km/h. Extraurbana secondaria 90 km/h. Extraurbana principale 110 km/h. Autostrada 130 km/h. I limiti rimangono immutati. Al contrario, vanno registrate novità sui rilevatori. “La Polizia di Stato rende pubbliche le tratte stradali dove sono operativi, giorno per giorno, gli strumenti di controllo della velocità”, leggiamo sul sito ufficiale. Accedendo al link https://www.poliziadistato.it/articolo/175 si può scaricare, la lista aggiornata degli autovelox fissi e mobili, divisi per Regione. La II Sezione Civile della Corte di Cassazione ha chiarito che devono essere sottoposti a taratura periodica. Altrimenti le sanzioni non hanno validità. Sono autovelox bidirezionali gli Scout Speed, telecamere collocate sulle auto delle Forze dell’Ordine.

Sanzioni previste dal Codice

Le sanzioni sono contenute nell’art. 142 del Codice della Strada. Per chi supera il limite di velocità fino a 10 km/h tocca pagare una multa da 41 a 168 euro. Tra i 10 km/h e i 40 km/h c’è una sanzione pecuniaria da 168 a 674 euro, più la decurtazione di 3 punti patente. Il superamento del limite di velocità compreso tra i 40 km/h e i 60 km/h prevede una multa compresa tra i 527 e 2.108 euro e la decurtazione di 6 punti sulla patente. Inoltre, è prevista la sanzione accessoria della sospensione patente di guida, per un periodo che va da uno a tre mesi (tra otto e diciotto mesi in caso di recidiva in un biennio). Infine, i più spericolati: limite superato di oltre 60 km/h. Questa violazione viene punita con una multa che va da 821 a 3.287 euro, nonché la decurtazione di 10 punti. La sospensione della patente, sanzione accessoria, va da sei mesi a un anno. Infrazione commessa due volte in un biennio? Bye bye patente. Scatta la revoca, ovvero viene annullata in via permanente.

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciotto + diciassette =