Salone dell’auto di Tokyo: le novità Honda, Mazda, Mitsubishi, Nissan, Subaru, Suzuki, Toyota, Lexus

A dominare la nuova edizione del Salone dell'auto di Tokyo sono state le vettura elettriche, in crescita ovunque

salone tokyo

Il tradizionale Salone dell’Auto di Tokyo ha subito una trasformazione, assumendo il nuovo nome di Japan Mobility Show. Nonostante il cambiamento di denominazione, l’attenzione principale è rimasta focalizzata sul settore automobilistico. Questa dinamica si discosta dall’approccio del rinato Salone di Ginevra, dove, a quattro mesi dall’apertura, le case automobilistiche tedesche hanno già annunciato il loro disinteresse.

Il Giappone ha rinnovato il suo interesse per le auto elettriche. Pur avendo una storia di produzione automobilistica elettrica, con la Nissan Leaf come precursore nel 2010, le auto a zero emissioni rappresentano solo l’1,7% del mercato giapponese. Questo dato è inferiore rispetto all’Europa, ad eccezione dell’Italia, che si attesta al 15%. Nonostante la limitata penetrazione delle Battery Electric Vehicles nel mercato giapponese, al Mobility Show, tra concept e prodotti reali, la presenza dell’auto elettrica è preponderante. Le case automobilistiche giapponesi si trovano ad adottare questa transizione per rimanere competitive a livello globale. Ad esempio, la Toyota, che ha venduto globalmente 9,6 milioni di veicoli lo scorso anno, ha registrato 25.000 unità di BEV.

Honda

Si tratta di una concept car, ma un’osservazione attenta rivela caratteristiche che la avvicinano a una vettura quasi definitiva. Stiamo parlando della nuova Honda Prelude, presentata come ultima novità durante l’evento di presentazione al Japan Mobility Show, catturando immediatamente l’attenzione generale. La vettura, caratterizzata da un design sportivo, è concepita per ospitare un sistema di propulsione ibrido, sebbene i dettagli siano ancora avvolti dal mistero, lasciando aperta la possibilità di adottare anche un motore completamente elettrico. Gli interni, attualmente oscurati, lasciano spazio solo a ipotesi, indicando la probabile configurazione 2+2. Durante il Salone di Tokyo, Honda ha presentato altri due concept incentrati sulla mobilità elettrica. Il primo è il veicolo autonomo Cruise Origin, progettato per la mobilità urbana, mentre il secondo è la Sustaina-C Concept, un’automobile realizzata in resina acrilica riciclabile e completamente riutilizzabile, evidenziando così l’impegno verso soluzioni sostenibili nel contesto automobilistico.

Mazda

La casa automobilistica di Hiroshima ha introdotto in anteprima l’aggiornamento della MX-5 2024, presentando la Iconic SP, una concept car che integra un propulsore rotativo gemellato con una piattaforma elettrica, seguendo la stessa filosofia di powertrain adottata dalla MX-30 R-EV. Questa vettura sportiva si distingue per il suo baricentro estremamente basso, ottenuto grazie alla collocazione centrale del motore rotativo, caratterizzato da leggerezza e compattezza.

Mitsubishi

La casa automobilistica giapponese ha presentato al Tokyo Motor Show il veicolo denominato D:X Concept. Questa concept car è stata progettata come un veicolo adatto ad affrontare varie tipologie di terreno, con un’enfasi particolare sulle capacità fuoristrada. La configurazione interna è concepita per ospitare fino a sei persone con sedute singole, offrendo soluzioni innovative e un’elevata modularità. Tra le caratteristiche tecnologiche di rilievo, si distingue la funzione cofano trasparente, che proietta immagini della strada sul grande schermo dell’infotainment. La propulsione è affidata a un motore elettrico abbinato a un pacco batterie ad alta densità, garantendo così un’autonomia maggiore.

Nissan

La Hyper Force Concept di Nissan è caratterizzata da un motore con una potenza di 1.000 kW (equivalenti a 1.359 cv) e è progettata per sostituire la supercar GT-R. Equipaggiata con batterie allo stato solido e una carrozzeria in carbonio, presenta un sistema avanzato di controllo della trasmissione denominato e-4ORCE, mirato a massimizzare le prestazioni con zero emissioni. La Hyper Force rappresenta il vertice delle concept car elettriche presentate da Nissan al Japan Mobility Show. In aggiunta, sono state introdotte tre concept nel segmento degli urban crossover, caratterizzate da un design ispirato all’Ariya. Parallelamente, l’Hyper Tourer è un furgone altamente tecnologico dotato di guida autonoma completa.

Subaru

Subaru ha presentato il Subaru Air Mobility Concept al Japan Mobility Show, un veicolo-drone progettato per il trasporto di persone, incarnando il concetto di “più libertà nella mobilità”. Subaru ha introdotto la Sport Mobility Concept, una vettura completamente elettrica dal design sportivo che richiama le linee storiche della SVX, esprimendo il concetto di Gran Turismo. Questo modello a due porte presenta un cofano lungo, nonostante la sua alimentazione elettrica. Subaru ha fornito poche informazioni su questo concept, indicando soltanto la posizione centrale del sedile nell’abitacolo e le eccellenti capacità di guida.

Suzuki

L’elettrificazione ha impattato anche Suzuki, che ha presentato le vetture segnanti la sua transizione alle zero emissioni a Tokyo. Il suv eVX rappresenta il primo veicolo completamente elettrico strategico su scala globale per l’azienda e sostituirà la Vitara. Con una lunghezza di 4,40 metri, è dotato di una batteria che offre un’autonomia superiore ai 500 km. A Tokyo, fa il suo debutto anche la Swift Concept, che anticipa le forme della prossima generazione della compatta Suzuki. Pur mantenendo dimensioni simili all’attuale modello, si distingue per il design innovativo dei nuovi fari. Presentata la eWX, ispirata al Jimny, ma classificata come kei car elettrica (una tipologia diffusa in Giappone) con un’autonomia di 230 chilometri, anche se non sarà commercializzata in Europa.

Toyota e Lexus

La coupé sportiva Toyota FT-Se, acronimo di Future Toyota – Sports Electric, presenta un muso ultrabasso con evidenti prese d’aria laterali e fari verticali dinamici che seguono il profilo del parafango anteriore. La linea di cintura, mantenuta in altezza, è resa possibile grazie alla tecnologia delle batterie agli ioni di litio di nuova generazione di Toyota, che offrono maggiore potenza in moduli più sottili. Il posteriore è caratterizzato da uno spoiler a coda di rondine ispirato alla Supra e dal distintivo Gazoo Racing. Un’altra novità degna di nota da parte di Toyota è il concept del crossover FT-3e, in cui il “3” evidenzia le tre chiavi di innovazione che la Casa intende introdurre nei suoi futuri veicoli elettrici: l’assenza di compromessi tra design e prestazioni, la sinergia tra tecnologia digitale e hardware, e livelli di personalizzazione senza precedenti.

Passando alla famiglia Lexus, che ha annunciato l’intenzione di commercializzare veicoli elettrici entro il 2035, al Salone è stata presentata la berlina sportiva LF-ZC (Lexus Future Zero-emission Catalyst), prevista per il 2026, e il futuro suv LF-ZL, lungo 5,3 metri, dotato della tecnologia Interactive Reality in Motion, che consente l’interazione con l’ambiente esterno attraverso i dati dei sensori elaborati dall’intelligenza artificiale (IA). Toyota ha presentato il Land Cruiser Se, un’evoluzione di uno dei modelli di punta della Casa, disponibile con motore a benzina o elettrico a sette posti.

Articolo precedenteAuto nuova: 10 consigli utili per risparmiare
Prossimo articoloHyundai Ioniq 5 diventa un robotaxi senza conducente

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here