Omoda E5, elettrica da 430 chilometri di autonomia

Omoda E5, il primo veicolo a zero emissioni del marchio, è un suv di dimensioni medie, con una lunghezza di 4,40 metri

Omoda E5

Un nuovo marchio cinese, Omoda, si presenta sul mercato europeo con il lancio dell’inedita E5, una vettura gemella elettrica del suv Omoda 5, già disponibile con trazione endotermica dal 2023. Sebbene sia un marchio nuovo, Omoda fa parte del vasto conglomerato di Chery, un nome conosciuto anche in Europa grazie alla sua stretta collaborazione con DR.

Le vetture Omoda non sono semilavorati finalizzati su linee di produzione occidentali; sono invece veicoli progettati e costruiti in Cina per il mercato europeo. La produzione avviene presso un impianto a Tsingdao, costruito in soli 17 mesi e capace di produrre fino a 200.000 vetture all’anno. Le vetture Omoda non competono direttamente con le proposte del produttore italiano, poiché sono rivolte a una fascia di mercato orientata a un pubblico più giovane.

Omoda E5, suv a emissioni zero

Omoda E5, il primo veicolo a zero emissioni del marchio, è un suv di dimensioni medie, con una lunghezza di 4,40 metri, una larghezza di 1,83 metri e un’altezza di 1,59 metri. Dal punto di vista del design, le differenze rispetto alla versione endotermica sono minime e si concentrano principalmente nella parte anteriore, caratterizzata da una griglia frontale quasi completamente chiusa.

L’aerodinamica è stata ulteriormente perfezionata con l’adozione di cerchi dalle dimensioni non ancora dichiarate, ma progettati appositamente per ottimizzare il flusso d’aria intorno alle ruote e ridurre la resistenza durante la marcia.

È evidente che Omoda mira a un pubblico giovane e tecnologicamente attento, come dimostra l’abitacolo. Il sistema di infotainment è il fulcro dell’esperienza di guida, gestito attraverso un doppio schermo curvo ad alta definizione da 24,6 pollici a forma di C. Questo sistema gestisce l’intrattenimento a bordo, le dieci diverse modalità di guida e anche un sofisticato sistema di illuminazione ambientale con una gamma di 256 colori.

Tecnologia avanzata per Omoda E5

Per garantire la fluidità operativa del software, Omoda impiega il processore di ultima generazione Qualcomm 8155. Riguardo alla parte meccanica, la società afferma che il powertrain della vettura vanta un’efficienza complessiva del 94%, grazie a un sofisticato sistema di raffreddamento dell’olio e a un sistema di gestione termica intelligente.

La vettura è equipaggiata con una batteria al litio-ferro-fosfato da 61 kWh, che alimenta il motore singolo sull’asse anteriore, erogante 150 kW (204 CV). Si prevede un’autonomia di 430 km e un consumo di 15,5 kWh ogni 100 km, secondo il ciclo WLTP (pari a 6,4 km/kWh). Grazie alla ricarica rapida, è possibile raggiungere dall’30% all’80% di carica in soli 28 minuti.

La dotazione di serie è ampia e pensata per il mercato europeo, con la presenza garantita di sistemi avanzati di assistenza alla guida per il livello 2 di guida autonoma. La E5 sarà disponibile per l’acquisto a partire da aprile, con un prezzo stimato da Omoda tra i 35.000 e i 38.000 euro. Questo prezzo potrebbe risultare ancora più interessante grazie agli incentivi statali, a meno che il governo decida di privilegiare la produzione nazionale in questo settore.

Articolo precedentePorsche Taycan: più veloce, più potente e con più autonomia
Prossimo articoloMaserati Levante Hybrid: dimensioni, motore e prezzo