Maggiori e più severi i controlli su conti correnti da Agenzia Entrate e Fiamme Gialle

Decisive alcune recenti sentenze della Corte di Cassazione

I controlli sui conti correnti da parte dell’Agenzia delle Entrate sono sempre maggiori e più stretti per diverse ragioni tra cui anche le regole su operazioni e strumenti legati ai conti stessi.

Più esattamente il saldo dei libretti di deposito bancari o postali al portatore non può essere pari o superiore a 1.000 euro; gli assegni bancari e postali emessi per importi pari o superiori a 1.000 euro devono recare l’indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità; è vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore oggetto di trasferimento, è complessivamente pari o superiore a 3.000 euro.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 + uno =