I furbetti delle assicurazioni auto troveranno d’ora in poi meno possibilità di agire. Entrate infatti in vigore nuove norme preposte a scoraggiare le loro scorrettezze.

ATTIVATO IL REGOLAMENTO

Sulla Gazzetta Ufficiale numero 134 del 10 giugno sono state introdotte importanti modifiche alla legislazione italiana. Diventato operativo, in particolare, il provvedimento dell’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni del 1 giugno 2016 con oggetto il “Regolamento recante la disciplina della banca dati sinistri, banca dati anagrafe testimoni e della banca dati anagrafe danneggiati, di cui all’art. 135 del decreto legislativo 7 settembre 2005, numero 209 – codice delle assicurazioni private (provvedimento numero 23/2016)”.

DOVE AGIRÀ

L’aggiornamento compiuto servirà a contrastare i tentativi di truffa legati a incidenti stradali veri o presunti. Il riferimento va fatto innanzitutto all’individuazione dei casi di sospetta frode. Altra area coinvolta quella relativa al meccanismo di allerta preventiva. Misura diretta nei confronti di soggetti già nel mirino delle assicurazioni perché ‘protagonisti’ di azioni fraudolente. Le compagnie avranno modo di svolgere diversi controlli in tempo reale. Oltre ai dati degli incidenti relativi a veicoli a motore immatricolati in Italia, monitorabili quelli dei danneggiati e dei testimoni riferiti ai medesimi sinistri.

CONDIVISIONE DI DATI

Incrociando le informazioni saranno evidenziate eventuali anomalie. Stranezze riguardanti la ripetizione dei nominativi di chi richiede indennizzi o dei testimoni.  Le imprese assicuratrici aggiorneranno continuamente le banche dati. Abilitati ad accedervi anche le Forze di Polizia, l’Autorità Giudiziarie e le Pubbliche Amministrazioni competenti in materia di prevenzione e contrasto delle pratiche fraudolente nel settore delle assicurazioni obbligatorie per i veicoli a motore. In questo modo, le Assicurazioni avranno modo di effettuare controlli incrociati e, ad esempio, una volta verificato come un testimone sia presente in modo troppo frequente in una serie di sinistri, far scattare la segnalazione all’autorità competente al fine di accertare la possibile frode. Una cooperazione che desidera far saltare i piani a parecchi delinquenti.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 4 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × uno =