Tracciabilità retribuzioni, nuove regole controllo e verifica. Come avviene

I controlli si differenziano in base alla modalità di pagamento scelta

Dalle nuove regole non si prescinde e dal primo luglio gli stipendi e i compensi per dipendenti e collaboratori possono essere corrisposti solo con strumenti tracciabili. Ma quali sono gli strumenti a disposizione degli ispettori del lavoro per individuare le irregolarità? Come fanno a tracciare le retribuzione e a eseguire controlli e verifiche. Lo stesso Ispettorato ha fatto presente che laddove non vengano riscontrati elementi certi che la retribuzione sia stata pagata con un mezzo tracciato può procedere a ulteriori controlli che si differenziano in base alla modalità di pagamento scelta.

Ad esempio, per quanto riguarda il bonifico sul conto, la verifica è indirizzata alla filiale dell’istituto di credito dove è presente il conto del datore di lavoro. Gli ispettori possono verificare se sono stati emessi altri bonifici per restituire l’importo corrisposto al lavoratore. Oppure in caso di utilizzo di carta non prepagata, la transizione economica può essere dimostrata solo dal datore di lavoro esibendo la ricevuta nella quale sono riportate data ed importo della ricarica.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × uno =