Conto corrente, truffa e crisi banche. Sistema di garanzia funziona realmente?

Ma cosa accade nel caso di congelamento dei conti correnti

I passaggi sono già stati ufficialmente definiti: il coinvolgimento dei clienti nelle crisi delle banche è progressivo e prevede nell’ordine le azioni e gli strumenti di capitale, i titoli subordinati, le obbligazioni e le altre passività ammissibili e infine i depositi maggiori di 100.000 euro appartenenti a persone fisiche e piccole e medie imprese. La novità è rappresentata dal Fondo interbancario di tutela dei depositi per le giacenze di denaro inferiori ai 100.000 euro detenuti sui conti correnti, ma anche dalla riforma proposta dalla Banca centrale europea sulla potere da consegnare alle autorità di sospendere i pagamenti di qualunque conto corrente, senza tenere conto dell’importo depositato.

Ma cosa accade nel caso di congelamento dei conti correnti, come del resto già avvenuto con un cliente di Banca Idea per via del commissariamento dello stesso istituto di credito e alla luce di debiti superiore per tre volte ai crediti vantati? E poi, sul versante delle truffe, il sistema interbancario non risponde e ogni situazione comporta una riposta diversa, mai standard.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × tre =