Come si regalano 3 milioni euro a parenti e amici con Finanziaria.

Una indagine del Corsera fatta da Milena Gabanelli spiega come con la Finanziaria in una sola notte siano stati distribuiti 3 miliardi ad amici e parenti

gabbanelli indagine

Tre milioni di euro ‘regalati’ ad amici e parenti con la nuova legge di Bilancio: questo è quanto emerge dalla recente inchiesta di Milena Gabanelli apparsa sulle pagine del Corsera.

Secondo quanto riportato dalla Gabanelli, infatti, proprio l’ultima notte prima dell’approvazione della Legge di Bilancio entrata in vigore il primo gennaio 2018, due senatori del gruppo di Denis Verdini, Antonio Milo e Pietro Langella, hanno presentato un emendamento per la tutela e la valorizzazione del made in Italy, che prevedeva l’assegnazione di 3 milioni di euro alla Isiamed Digitale srl, società nata appena 20 giorni prima, con lo scopo di rendere l’Italia sempre più digitale e per lo sviluppo delle smart city con vettore ecologiche, auto compatibili ed ibride e mezzi di trasporto dello stessa tipologia

Un progetto che effettivamente ha grande portata ma per cui, proprio per la sua grandezza, secondo la Gabanelli, tre milioni di euro sarebbero insufficienti per realizzarlo. E a incuriosire sono stati proprietà e gestione della società: come riportato dalla giornalista, la società è al 75% di Vincenzo Sassi, imprenditore di grande e comprovata esperienza nel settore del recupero crediti, e al 25% dell’Istituto italiano per l’Asia e il Mediterraneo, fa capo a Gian Guido Folloni, ex giornalista ed ex ministro per i Rapporti con il Parlamento nel governo D’Alema.

Ma la stessa Isiamed possiede il 5% del Consorzio italiano infrastrutture e i consiglieri, nemmeno a farlo apposta e un forse puro caso di coincidenza sono lo stesso Vincenzo Sassi che possiede il 75% Isiamed e Gianluca Milo figlio del senatore Milo.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 10 Media: 3.5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre + 2 =