City of Tomorrow: la mobilità del futuro secondo Ford

Furgoni e droni per le consegne del futuro. E un modem 4G sui nuovi modelli

“City of Tomorrow”. Suggestivo il nome affibbiato alla sede Ford di Shanghai. Lì dove è stato sviluppato Autolivery, innovativo sistema di consegne a domicilio.

Ford City of Tomorrow: la consegna dell’ultimo miglio

“Si tratta semplicemente di provare a rendere la vita nelle città più facile – ha dichiarato Euishik Bang – Sfruttando la collaborazione tra van elettrificati a guida autonoma e droni sarà possibile effettuare consegne in modo più semplice e rapido contribuendo a rendere la vita migliore per tutte le persone”. Una delle idee in risposta alla sfida degli “ultimi 15 metri” nell’ambito delle consegne di merci. “La pressione di vincere questa sfida aumenterà globalmente, nel prossimo futuro, a causa della crescita delle compravendite online – ha commentato Ken Washington, v.p. research and advanced engineering, Ford Motor Company – Mentre questo scenario oggi non è ancora attuale, attraverso Autolivery vogliamo mostrare dove potrà condurci questo percorso di ricerca sul tema della mobilità e come sarà in grado di arricchire la nostra vita in una City of Tomorrow più sostenibile”.

FordPass Connect, il modem in auto

Grazie alla partnership con Vodafone, i nuovi clienti dell’Ovale Blu avranno a bordo il modem 4G LTE FordPass Connect. L’app FordPass, disponibile in Italia entro l’anno, renderà possibile gestire tramite smartphone varie funzioni quali aprire e chiudere il veicolo come aprire/chiudere l’auto e controllare vari parametri, tra cui il carburante e l’olio. L’Emergency Assistance potrà contattare automaticamente il 112 in caso di incidente. “Il futuro della mobilità passa attraverso la connettività, tra noi e la nostra automobile, tra il nostro smartphone e la nostra auto e tra l’automobile e l’ambiente circostante”, ha commentato Don Butler, Executive Director, Ford Connected Vehicle and Services. “Con FordPass Connect, il sistema di infotainment e connettività SYNC si trasformerà da piattaforma per il collegamento dei dispositivi ad un vero e proprio cloud dove poter accedere a molti più contenuti”.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 − 10 =