Nuovo dieselgate Audi, Spiegel manipolazione iniezione AdBlue rivelata

Si indaga sull'uso di un nuovo dispositivo illegale in circa 60.000 Audi A6 e A7

L’accusa è di quelle pesanti, ma nel frattempo Audi ha interrotto la produzione di A6. Stando alle notizie che circolano, lanciate dal settimanale Der Spiegel e confermate almeno in parte dal ministero federale dei Trasporti, ‘auto conterrebbe un software in grado di manipolare i controlli delle emissioni. Il fascicolo è stata aperto sull’uso di un nuovo dispositivo illegale in circa 60.000 Audi A6 e A7, di cui circa 33.000 vendute in Germania. Insomma, c’è abbastanza materiale per parla di una seconda puntata del dieselgate.

Più precisamente, l’Audi A6 verrebbe dotata di un software per il rallentamento dell’uso di uno speciale liquido antigelo, il cosiddetto AdBlue, negli ultimi 2.400 chilometri della sua riserva, così da evitare che i conducenti lo debbano ricaricare. Un’operazione che porterebbe con sé un problema ben preciso: la riduzione della funzione di AdBlue farebbe perdere di efficacia la neutralizzazione degli ossidi di azoto del motore, rendendo le auto diesel più inquinanti.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × cinque =