Conti correnti online svuotati a migliaia di italiani. Fermata banda.

Sim Swap Fraud ha portato alla luce un presunto gruppo di cyber criminali finanziari

Prima venivano rubati i dati personali e poi con questi si entrava, in un modo complesso, elaborato e sistematico all’interno dei conti correnti online dei malcapitati, migliaia di italiani, per rubargli quanto più possibile. Il tutto organizzato da una struttura assolutamente numerosa e organizzata

Le accuse sono di frodi online e furti d’identità. Per 14 persone sono scattate le manette ai polsi e altre 32 sono adesso indagate per varie ipotesi di reato: associazione per delinquere, accessi abusivi a sistemi informatici, sostituzione di persona, truffe e riciclaggio. Si tratta del risultato delle indagini della polizia postale Sim Swap Fraud che ha portato alla luce un presunto gruppo di cyber criminali finanziari in grado di colpire migliaia di persone in tutta Italia. Dall’inchiesta è emersa la presenza di una banda organizzata che, secondo stime della polizia postale, avrebbe ottenuto introiti complessivi per 600.000 euro.

E tutto lascia pensare come sarebbero stati di più senza l’intervento della Procura distrettuale di Catania, da tre anni sulle tracce del gruppo. Nel corso delle indagini hanno bloccato numerose frodi, alcune delle quali per decine di migliaia di euro. Uno degli indagati avrebbe già confessato di avere truffato per una cifra superiore a 100.000 euro.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × 5 =