Daily Iveco 2019: furgone, semivetrato, cabinato, doppia cabina, scudato e minibus

Contenimento dei consumi per la nuova versione

La nuova generazione del Nuovo Daily Iveco vede l’80% dei suoi componenti completamente ridisegnato, ma la classica struttura a telaio, conosciuta in tutto il mondo, è rimasta inalterata. La superficie vetrata del parabrezza, incorniciata dai montanti neri, prosegue nei finestrini laterali e si unisce alla fascia creata dai proiettori e dalla calandra all’altezza degli specchi. I fari sono collocati in posizione alta e arretrata per evitare danni in caso di piccoli urti.

I fascioni avvolgenti su tutti i lati proteggono la carrozzeria e separano esteticamente la parte inferiore, che ospita gli organi meccanici, dalla parte superiore dedicata alla cabina e al vano di carico. Se il vetro più grande non può che rendere l’abitacolo più luminoso, il nuovo stile migliora l’aerodinamica del veicolo. La gamma prevede le versioni furgone, semivetrato, cabinato, doppia cabina, scudato e minibus.

Nuovo Daily Iveco 2019, forte, robusto, comodo e versatile

All’interno la nuova plancia è stata ridisegnata mentre il sedile e il volante consentono all’autista di assumere posizione e sensazioni di guida simili a quelle automobilistiche. Fra gli altri trovano spazio cinque vani coperti, tre portabicchieri e una serie compartimenti per oggetti di uso quotidiano, come il cellulare o il tablet. E siccome il comfort non è più un dettaglio, all’ergonomia dei comandi si affiancano una migliore insonorizzazione e un impianto di climatizzazione più efficiente.

La massa totale a terra del furgone va da 3,3 a 7 tonnellate con volumetrie da 7,3 fino a 19,6 m cubi e portata utile fino a 4 tonnellate. L’altezza arriva fino a 2.100 mm, la lunghezza esterna da 5.040 a 7.500 mm, quella del vano di carico da 2.600 mm a 5.100 mm. Infine, l’abbassamento di 55 mm del pianale consente maggior velocità e facilità nelle attività di carico e scarico.

Il sistema di post-trattamento è compatto ed è sistemato all’altezza del telaio per non incidere sullo spazio di carico. Sulle versioni Euro 6 il sistema common rail di nuova generazione consente pressioni di iniezione fino a 2.000 bar. La gamma si completata con la versione a metano Natural Power da 136 CV, che consente di minimizzare il costo del carburante, le emissioni inquinanti e l’impatto sonoro. Tutti i cambi sono a 6 marce, anche quello automatizzato Agile, utilizzabile sia in modalità automatica sia in modalità sequenziale.

La nuova sospensione anteriore Quad-Leaf, standard per tutti i modelli fino a 3,5 tonnellate, rappresenta la sintesi tra le due precedenti versioni per ruota singola e ruota gemellata, garantendo il guadagno di portata della prima e l’altezza da terra e il carico ammissibile sull’asse della seconda. La sicurezza è portata un livello superiore grazie all’Electronic Stability Program (ESP) e al Lane Departure Warning System (LDWS).

Quest’ultimo segnala con avviso acustico l’eventuale uscita del veicolo dalle linee di delimitazione delle corsie di marcia nel caso di mancata attivazione degli indicatori di direzione. Capitolo infotainment, la piattaforma IveConnect consente la gestione di un sistema completo di radio, lettore mp3, Bluetooth, visione della telecamera posteriore e navigatore, con un set di funzioni attivabili tramite uno schermo touchscreen integrato.

Obiettivo risparmio di carburante per Daily Iveco 2019

Il Nuovo Daily scommette sul contenimento dei consumi. Il risparmio di carburante è mediamente del 5,5%, a seconda delle differenti versioni del veicolo, ma può essere portato al 14% con EcoPack. L’aerodinamica è stata migliorata in particolare per le versioni furgone, e il coefficiente di penetrazione aerodinamica è stato ridotto del 6%.

La funzione EcoSwitch permette di attivare la mappatura motore con disponibilità di coppia massima ridotta e una limitazione di 5 km/h della velocità massima del veicolo. Lo Smart Alternator è una modalità evoluta di funzionamento dell’alternatore che consente il recupero dell’energia cinetica del veicolo in fase di rilascio e disattiva l’assorbimento di potenza in condizioni di batteria carica. L’EcoMac ottimizza il funzionamento del compressore in funzione del reale fabbisogno di raffreddamento dell’abitacolo, tenendo conto della temperatura percepita.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciannove − cinque =