Ricorso multa senza avvocato: i documenti fondamentali, atti impugnabili

Utile il web per le sanzioni di modesto importo

Magari è cosa nota a pochi, ma il ricorso multa senza avvocato rappresenta una possibilità percorribile. Vediamo in che modo.

FUNZIONALITÀ

Il Ministero della Giustizia ha messo a disposizione la nuova piattaforma online. Un software grazie al quale scrivere un ricorso contro una multa stradale – non superiore a 1.100 euro – e depositarlo al Giudice di Pace autonomamente, senza bisogno di assistenza. L’automobilista può: compilare i campi indicati dalla piattaforma per la “personalizzazione del ricorso”; scaricare e stampare il ricorso che la piattaforma ministeriale avrà realizzato in automatico sulla base delle indicazioni offerte dall’automobilista; spedirlo per raccomandata a.r. o depositandolo personalmente presso la cancelleria del Giudice di Pace competente.

SIGP@INTERNET NAZIONALE

In via generale, comunque, la piattaforma può essere utilizzata per compilare il ricorso contro qualsiasi violazione di competenza del Giudice di Pace. La piattaforma del Ministero della Giustizia, denominata SIGP@Internet Nazionale, consente di compilare online un ricorso in opposizione a sanzione amministrativa, ossia le comuni multe stradali. Il sistema consente anche di scaricare la nota di iscrizione a ruolo, necessaria per poter far accettare l’atto dalla cancelleria.

UNA GUIDA PRATICA

Per accedere al servizio bisogna collegarsi con questa pagina del sito del Ministero della Giustizia. La prima cosa da fare è selezionare la Regione di appartenenza nella mascherina posta al di sotto dell’immagine dell’Italia. Non tutti gli uffici giudiziari hanno attivato il sistema, ma l’aggiornamento è in rapido sviluppo. Dopo aver selezionato la Regione, selezionare, nel menu a sinistra della pagina, sotto la macro voce “Compila il ricorso” quella con scritto “opposizione a sanzione amministrativa”. Comparirà una mascherina che chiederà i dati personali dell’opponente e poi, dopo la compilazione di quest’ultima, bisognerà indicare l’oggetto del ricorso e i motivi su cui si fonda il ricorso. Contro le multe stradali è sempre competente il giudice di Pace del luogo ove è stata commessa la violazione. Per comprendere, però, quale sia materialmente tale giudice è necessario controllarlo sulla base dell’attuale Geografia giudiziaria.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

17 − quindici =