tagliando assicurazione auto
Per Ania l'abolizione del contrassegno RC Auto è un passo in avanti nella lotta all'evasione assicurativa.

Rc auto sempre più conveniente per gli automobilisti: secondo le ultime rivelazioni dell’osservatorio dei portali Facile.it e Assicurazione.it, nel corso di novembre il prezzo medio delle polizze si attesta a 512.40 euro. Tuttavia le analisi hanno dimostrato un rallentamento della diminuzione trimestrale, pari al -2.42 percento.

RC AUTO IN CALO, IL CONFRONTO TRA REGIONI – In ogni caso, stipulare un’assicurazione in Italia costa quasi il 20% in meno rispetto allo scorso anno, ma è necessario comunque valutare “offerta per offerta” in base alla propria regione di residenza: le piattaforme affermano che in Toscana e Basilicata, ad esempio, il calo trimestrale è rimasto quasi invariato; da settembre a novembre la Valle d’Aosta registra la riduzione maggiore (-11.92%), mentre in Umbria i prezzi salgono addirittura del 2.33%, ma non su base annua (-12.05%). La Campania, territorio famoso per la propria RC auto non proprio “amichevole”, registra una diminuzione dei costi dell’1.23% a fronte di un premio medio pari a 817.45 euro, ma comunque inferiore (di oltre il 34%) rispetto a novembre 2014. In Calabria e Puglia l’assicurazione continua a costare rispettivamente 632.07 e 627.88 euro; in Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige il risparmio è tutt’ora garantito con rispettivi premi di 354.16 e 363.51 euro.

RC AUTO IN CALO, MA NON GARANZIE ACCESSORIE – Secondo Mauro Giacobbe, Amministratore Delegato di Facile.it, è probabile che durante i primi mesi del 2016 il trend dei prezzi al ribasso prosegua e rimanga percepibile per le famiglie italiane: il tagliando elettronico sta facendo la propria parte, ma il sempre maggior ricorso alle scatole nere consente alle compagnie di proporre sempre prezzi competitivi e condizioni vantaggiose. Dati statistici confermano inoltre il crescente utilizzo di garanzie accessorie correlate alla propria RC auto: dal 31.62% di maggio 2015 si passa al 33.07% di novembre, con tutela per infortunio del conducente sul secondo gradino del podio preferenze (22.71%), seguita dalla crescente formula della tutela legale (dal 19.7% al 22.4%) e copertura furto e incendio (10.58%).

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette − otto =