I neopatentati devono sottostare ad alcune norme specifiche imposte dal Codice della Strada per consentire loro di acquisire la dovuta dimestichezza al volante.

Neopatentati: le limitazioni da rispettare

Dal febbraio 20111 sono entrate in vigore alcune regole che devono essere rispettate da chi ha conseguito la patente da meno di tre anni. I giovani guidatori dovranno innanzitutto verificare il limite di potenza massima in rapporto al peso della vettura. I neopatentati non potranno quindi guidare ogni tipo di auto.

I vincoli da seguire non sono finiti qui. E’ innanzitutto vietato mettersi al volante dopo avere bevuto bevande alcoliche. Sono inoltre previsti limiti di velocità più bassi rispetto a quanto vale per le altre persone. Ad esempio, in autostrada non si posson superare i 100 km/h. Sulle strade extraurbane principali, ossia le statali, non è invece possibile superare i 90 km/h. Per i trasgressori le multe vanno da 161 a 646 euro, a seconda di quanto la velocità rilevata superi il limite. E’ inoltre prevista la sanzione specifica per l’eccesso di velocità e la sospensione della patente da 2 a 8 mesi.

Come verificare la potenza del veicolo

Uno degli aspetti fondamentali a cui devono prestare attenzione i neopatentati riguarda innanzitutto il tipo di auto guidata. Il mezzo, infatti, può avere una potenza massima di 70 kW, pari a 95 cavalli, e non può superare il rapporto peso/potenza di 55 kW per tonnellata (equivalenti a 75 cavalli). Per chi è in possesso di un’auto immatricolata dopo il 2007 verificare queste informazioni è molto semplice: sono riportate sulla carta di circolazione. In alternativa, è possibile visitare il sito del Portale dell’Automobilista e digitare la targa del veicolo.

A differenza delle altre norme, però, questa limitazione è valida solo per il primo anno dal momento in cui è stata presa la patente. A stabilirlo è l’articolo 117 comma 2-bis del Codice della Strada. Le sanzioni sono le stesse previste per i limiti di velocità.

Neopatentati: cosa accade se ubriachi al volante

Un altro aspetto su cui il Codice della Strada è particolarmente rigifo nei confronti dei giovani guidatori riguarda l’assunzione di bevande alcoliche. Fino a ventun anni compiuti è infatti vietato guidare se si è bevuto. In qualsiasi quantità. La multa va da 155 a 624 euro, oltre alla decurtazione di 5 punti dalla patente se il tasso alcolemico non supera il valore di 0,5 grammi per litro. Se invece un neopatentato provoca un incidente da ubriaco le sanzioni sono addirittura raddoppiate.

Neopatentati: cosa accade in caso di sospensione della patente

I problemi per un giovane guidatore che commette una trasgressione del Codice della Strada non sono finiti qui .In caso di violazione per cui è prevista la sospensione della patente, la durata è aumentata di un terzo alla prima violazione. Raddoppia invece alle violazioni successive. In più, quando si commette una di queste violazioni, il periodo in cui la sospensione aumenta di durata viene portato a cinque anni.  Questo è valido per i primi tre anni dal conseguimento della patente.

n generale, nelle infrazioni di media e alta gravità c’è sempre una sanzione accessoria per il neopatentato. Nella maggoranza dei casi l’importo della multa viene raddoppiato e lo stesso valei punti decurtati. La punizione massima è la revoca della patente fino a tre anni.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 3 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro + 10 =