Il leasing auto con Arval si digitalizza

La società di leasing auto del gruppo Bnp Paribas, ha presentato la nuova Arval Smart Experience ed è probta ad offrire, ai suoi clienti, flotte 2.0.

LA RIVOLUZIONE DIGITALE DI ARVAL – La società di leasing auto del gruppo Bnp Paribas, ha presentato la nuova piattaforma telematica che monterà a bordo delle sue vetture, per offrire ai suoi clienti Flotte 2.0.
Presentata a Londra, e in arrivo presto sulle nostre strade, la nuova flotta arriva a quattro anni di distanza dal lancio della Arval Smart Experience.

PRINCIPALI NOVITA’ – Quattro anni di sviluppo che sono serviti alla società per rimettersi al passo coi tempi: la tecnologia è il futuro per il settore automotive, come per quello del noleggio a lungo termine.
Al centro di questa rivoluzione c’è una scatola nera, l’Arval Active Link: piattaforma telematica, inserita nel cruscotto, per il monitoraggio e l’acquisizione dati in realtime. A seguire arriveranno anche l’inedito Webstore, lo strumento B2B in grado di comparare 500 modelli di 40 case automobilistiche, e gli aggiornamenti dei servizi Arval Analytics, Fleet View e Mobile+.
Arval Active Link permette di ricavare un punteggio monitorando in tempo reale una serie di variabili chilometraggio, comportamento del driver, consumi, chilometraggio, percorsi, stile di guida.
Il fleet manager permette di analizzare anche eventi specifici: un’accelerazione, una frenata improvvisa, un cambio di corsia imprudente. Il tutto a fini statistici e nel rispetto delle leggi locali sulla privacy, per cercare di aumentare il livello di sicurezza ma anche per un motivo economico: Il 10% del costo di un noleggio si deve agli incidenti.
In pratica, migliorare i punteggi è diminuire la frequenza e quindi diminuire i costi per i clienti.

PREZZO – La fascia di prezzo cui viene offerta l’Active Link va dai 3 euro al mese per contratto, dell’offerta base, a salire, a seconda dei servizi extra che si richiedono e che hanno singolarmente un prezzo contenuto, 2 euro, ma possono essere richiesti anche in maniera combinata: ad esempio, Active Journey è completo di Gps, Active Routing ha il sistema di monitoraggio in tempo reale, mentre Active Sharing permette di seguire più driver, tramite le loro smart card individuali.
In arrivo nelle nostre strade a settembre 2015.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tredici + 4 =