photo credit: Incidiente a Fagagna via photopin (license)

Essere coinvolti in un sinistro con un mezzo immatricolato all’estero è abbastanza frequente sul nostro territorio. In caso d’incidente, come da normale prassi e buon senso, è opportuno comportarsi da vero automobilista verificando le proprie condizioni personali ed altrui, in primis, oltre a prendere atto del danno subito o provocato: nel caso in cui la lingua utilizzata sia di uso comune o facilmente comprensibile, è sufficiente annotare i dati del guidatore per compilare il cosiddetto Modulo Blu correlato alla constatazione amichevole (anche di origine straniera) o assicurarsi di avere a portata di mano numero di targa, modello della vettura, estremi della polizza e nominativo del proprietario e/o conducente coinvolto (fotografare il tutto è sempre consigliabile). Terminata la trattativa, bisogna avviare le procedure di risarcimento internazionali: sarà necessario contattare tramite raccomandata (o posta elettronica) l’Ufficio Centrale Italiano, un ente adibito alla gestione delle pratiche di risarcimento danni provocati in Italia da veicoli immatricolati o registrati all’estero, compresi nel sistema della Carta Verde. In seguito alla comunicazione, l’U.C.I. indicherà a colui che è passivo del sinistro la compagnia di riferimento a cui rivolgersi.

INCIDENTE CON VEICOLO ESTERO, RACCOMANDATA O MAIL ALL’U.C.I. – la raccomandata è destinata all’indirizzo della sede dell’U.C.I. (Corso Sempione – numero 39 – Milano) e deve chiaramente specificare luogo ed ora dell’incidente, dinamica del sinistro, dati del richiedente, dati del conducente e proprietario del veicolo estero, dati identificativi dei veicoli coinvolti + nazionalità e denominazione delle Compagnie assicuratrici delle vetture. in assenza di rapida identificazione della Compagnia del veicolo estero, l’U.C.I. è abilitato ad effettuare dirette verifiche nel paese straniero: quest’episodio comporta naturalmente dei tempi di attesa più lunghi. E’ bene ricordare inoltre che anche tramite e-mail (uci@pec.ucimi.it) il procedimento è lo stesso.

INCIDENTE CON VEICOLO ESTERO, CHIAMARE LA POLIZIA E’ MEGLIO – Nel caso in cui il conducente opposto si rifiutasse di inoltrare i propri dati (o fugga) è consigliabile rivolgersi immediatamente alla polizia stradale: l’articolo 126/comma 6 del Codice delle assicurazioni sancisce inoltre che, in caso di sinistro, l’Ufficio Centrale Italiano è autorizzato a richiedere agli organi di legge le informazioni acquisite relativamente alle modalità dell’incidente, residenza e domicilio delle parti (oltre a targhe di immatricolazione ed eventuali note).

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 2 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

13 − undici =