Genialloyd preventivo auto: cosa aspettarsi

Diamo uno sguardo al sito di una compagnia assicurativa

assicurazioni privacy
assicurazioni privacy

Genialloyd preventivo auto, potrebbe essere una buona idea visto che una delle spese obbligate più notevoli di cui ogni possessore di auto deve gravarsi è, di anno in anno, l’assicurazione della propria vettura. Di conseguenza, è piuttosto importante per la maggior parte della gente trovare il modo di risparmiare senza perdere qualità nel servizio. Un buon metodo per informarsi sui vari preventivi è quello di rivolgersi ai siti internet delle diverse compagnie, che consentono spesso di orientarsi, a titolo gratuito, a seconda delle proprie esigenze.

Genialloyd preventivo auto, perché farlo

Prendiamo ad esempio il sito web di Genialloyd, una compagnia assicurativa facente parte del gruppo Allianz. Al suo interno troverete il modo di calcolare il vostro preventivo auto, molto facilmente e senza alcun costo. Infatti, basta soltanto inserire i dati di targa dell’auto e di data di nascita del proprietario per avere automaticamente un’offerta a pacchetto, calcolata dal sistema; in alternativa, è possibile calcolare una polizza personalizzata scegliendo tra le diverse opzioni disponibili.

Come fare senza targa

Se invece si preferisse non indicare la targa del proprio veicolo, magari perché non la si ha ancora a disposizione, è possibile calcolare comunque il proprio preventivo auto. Si dovranno inserire alcuni dati personali e del veicolo, nonché indicare alcune opzioni, fra le quali la propria percorrenza annua indicativa. Un’altra scelta che andrà effettuata è sui conducenti che avranno modo di guidare la vettura: “Guida Libera” consente l’utilizzo del mezzo anche agli individui con età inferiore ai 23 anni e patente da meno di due anni, mentre “Guida Esperta” è riservato agli altri automobilisti. Quest’ultima preferenza ha un costo inferiore, ma prevede che, nel caso in cui l’auto sia utilizzata dalle persone più giovani o meno esperte, la compagnia applichi una rivalsa fino a 5.000 euro sui danni pagati a terzi; con la prima opzione invece la spesa annua è più elevata, ma non vengono applicate rivalse.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × 3 =