Fermo del veicolo: situazioni previste dal Codice della strada e tempistiche

Precisa la normativa in materia

Il Codice della strada prevede che, in situazioni ben definite, oltre al pagamento di una multa occorre andare incontro ad una sanzione accessoria, incluso il fermo amministrativo del veicolo.

QUANDO

Le più rilevanti violazioni in conseguenza delle quali viene disposto sono le seguenti: circolazione di ciclomotori irregolari (sessanta giorni); ciclomotore sprovvisto di targa (un mese); guida di veicoli a motore senza requisiti psico–fisici o di età (trenta giorni); guida senza patente di auto o motoveicoli (tre mesi); minori che trasportano passeggeri su motocicli e ciclomotori (trenta giorni); omesso uso del casco protettivo (sessanta giorni o novanta giorni se nell’arco di un biennio la violazione è commessa per almeno due volte); sinistro stradale provocato in stato di ebbrezza alcolica con tasso alcolemico superiore a 0,5 g/l e non superiore a 1,5 g/l (centottanta giorni salvo che il veicolo appartenga a persona estranea all’illecito); guida con patente sospesa (tre mesi).

PENE ULTERIORI

Accertata una delle infrazioni, occorre sapere che il veicolo andrà messo a cura del proprietario o, in sua assenza, del conducente, in un luogo di cui si abbia la disponibilità, oppure, a proprie spese, di custodia non sottoposto a passaggio pubblico. Il rifiuto alle prescrizioni fornite dagli organi di polizia comporta un’altra sanzione amministrativa ed alla sospensione della patente. La circolazione nonostante il fermo amministrativo comporta una multa pesantissima (tra 656,25 euro e 2.628,15 euro) oltre alla confisca del mezzo.

IMPUGNAZIONE

Durante il fermo un sigillo viene posto sulla vettura e il relativo documento di circolazione finisce trattenuto dalle Forze dell’Ordine che hanno ravvisato l’infrazione. Spese di custodia bisognerà corrisponderle se il veicolo è ricoverato presso un depositario pubblico. Il proprietario potrà impugnare il provvedimento giuridico e chiedere, entro 30 giorni dalla contestazione immediata o dalla notifica dinanzi al Giudice di Pace competente, l’annullamento sia della sanzione principale economica che di quella accessoria. In caso di ricorso accolto dal Giudice verrà disposta l’immediata restituzione del mezzo.

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × uno =