Legge di Stabilità 2016: tutte le modifiche al Codice della Strada

Controllo assicurazioni e revisioni , insieme alle immatricolazioni auto all'estero, fra i temi in esame

La Legge di Stabilità recentemente approvata porta con sé varie novità, anche per quanto riguarda il Codice della Strada.

TUTTO PIU’ VELOCE – Prima novità che balza all’occhio riguarda tutti i dispositivi di controllo durata sosta a pagamento, attivabili dal 1° luglio 2016 anche attraverso il bancomat. Innovazione diretta a promuovere i pagamenti elettronici e rendere l’operazione più semplice e diretta per gli stessi cittadini. Nell’eventualità in cui il Comune non si munisca, entro quella data, di strumentazioni compatibili ai moderni canali gli automobilisti potranno parcheggiare gratuitamente, senza rischio sanzioni.

MENO BUROCRAZIA – Ulteriore modifica approvata riguarda autovelox e tutor, tipicamente usati solo per eccesso di velocità, ora addetti anche ad altre funzioni. Ci si riferisce in particolare al controllo di obblighi assicurativi, inteso come avvenuto adempimento alla polizza RC auto. L’apposita banca data ministeriale, ora telematica, permette infatti ora una consultazione ai vari contratti senza ricorrere all’esposizione del tagliando sul parabrezza, non più obbligatoria. Autovelox, tutor e telecamere poste nei varchi d’accesso alle Zone a Traffico Limitato risulteranno inoltre utili a verificare la revisione periodica e il trasporto irregolare di materiali. Condizione necessaria, affinché la misura entri effettivamente in funzione, l’avvenuta emanazione del decreto ministeriale e strumentazioni omologate.

VIGILANZA IMPERTERRITA – Ulteriore nota da tenere bene in considerazione riguarda la reimmatricolazione auto all’estero, volta a contrastare quelle operazioni, riferite ad auto nazionali, compiute fuori confine solo per evitare bollo ed eventuali multe. La recente modifica garantirà infatti maggiori trasparenze durante i vari passaggi legati all’intero procedimento, dato l’obbligo di presentare al Pra la copia della documentazione doganale di esportazione “ovvero, nel caso di cessione intracomunitaria, della documentazione comprovante la radiazione dal Pra”.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 18 Media: 4]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × quattro =