Autovelox: la multa vale anche se il cartello non è ripetuto dopo l’incrocio

Termina l'obbligo di ripetere i cartelli con i limiti di velocità e le presegnalazioni di controllo elettronico dopo ogni incrocio

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 9770, depositata lo scorso 12 maggio, apporta importanti modifiche riguardanti gli autovelox.

LA SENTENZA – L’obbligo di ripetere i cartelli con i limiti di velocità e le presegnalazioni di controllo elettronico, dopo ogni incrocio, sfuma con gli Ermellini decisi a rigettare il ricorso di un trasgressore sostenendo che non assume “rilievo la mancata ripetizione della segnalazione di divieto dopo ciascuna intersezione”. Le tesi difensive del ricorrente non sono mai state accolte fin dal primo grado di giudizio, davanti al Giudice di Pace di Novara e al Tribunale di Torino. La Suprema Corte ha infine scartato le questioni sulla corretta posizione e visibilità del cartello di segnalazione luminosa del controllo elettronico. L’unico motivo approfondito quello della mancata ripetizione del segnale per il tratto in cui l’eccesso è stato rilevato, visto che in mezzo c’era un’intersezione stradale, dichiarato infondato.

OPINIONI CONTRASTANTI  – Il principio richiamato dalla Corte, antitetico rispetto alla sentenza n. 11018/14, ribadisce quanto già espresso in una precedente ordinanza, la n. 25769/13: “l’art. 2 del D.M. 15 agosto 2007…non stabilisce una distanza minima per la collocazione dei segnali stradali o dei dispositivi di segnalazione luminosi….ne consegue che la distanza tra segnali stradali o dispositivi luminosi e la postazione di rilevamento deve essere valutata in relazione allo stato dei luoghi, senza che assuma alcun rilievo la mancata ripetizione della segnalazione di divieto dopo ciascuna intersezione per gli automobilisti che proseguano lungo la medesima strada”. Una posizione chiara che andrà presa a riferimento pure per esprimersi sui futuri reclami di altri guidatori. Sebbene vi fossero validi motivi a suggerirne il ricorso, non è necessario che il segnale di divieto sia ripetuto. Un provvedimento che rende ancor più conveniente rimanere cauti in strada.

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × 4 =