Autovelox, la legge impone che siano visibili. Ecco tutte le novità

Un giudice di Pace di Vasto ha costretto il Comune a portare le prove che la postazione sia “effettivamente visibile”

Un modello di autovelox
Un modello di autovelox

Arrivano delle buone notizie dal fronte autovelox. Se prima era necessario per legge segnalarlo con gli appositi cartelli presto (forse) i Comuni dovranno dimostrare che quella segnaletica è sufficiente. Un giudice di Pace di Vasto (Chieti) ha accolto il ricorso di un automobilista che era stato multato per eccesso di velocità da un autovelox. L’uomo ha dichiarato di non averlo visto e il giudice gli ha creduto, disponendo che d’ora in poi il Comune debba fornire un’analisi dettagliata che possa dimostrare che il misuratore di velocità fosse effettivamente visibile. Altrimenti il giudice provvederà ad annullare la multa.

Una sentenza che può fare giurisprudenza?

Questa sentenza potrebbe essere portata come esempio anche in altre parti d’Italia per contestare multe prese da autovelox dietro curve a gomito o nascosti ai margini della strada. Al momento i vincoli per ritenere valida una multa rimangono sempre gli stessi: su autostrade e strade extraurbane occorre una segnalazione ad almeno 250 metri dal misuratore di velocità, mentre sulle strade cittadine si può segnalare l’autovelox anche soltanto 80 metri prima. In città non si possono montare autovelox, ad eccezione delle strade a grande scorrimento. Se però fosse all’interno di un’auto civetta la multa sarebbe comunque valida se contestata immediatamente.

Le regole per gli autovelox

Sulle strade provinciali e regionali ci vogliono cartelli ad almeno 150 metri da ambo i lati, da sistemare sempre dopo ogni incrocio, mentre non si possono installare postazioni subito dopo il cartello che indica la velocità massima, per evitare che questo possa causare frenate improvvise e quindi un potenziale pericolo per la sicurezza di tutti coloro che stanno transitando. Un’altra causa di possibile annullamento della multa riguarda le fotografie scattate dall’autovelox: devono essere consegnate strettamente al proprietario del mezzo. Nel caso in cui siano inviate a casa è possibile anche chiedere un risarcimento per danni.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]