Fra le componenti che incidono maggiormente in campo automobilistico balza facilmente alla mente di un guidatore esperto quella dell’assicurazione. Seguito qualche opportuno consiglio, si può arrivare a validi sconti.

REALTA’ IN PERENNE MUTAMENTO – L’era informatica influenza ormai ogni sfera sociale e lavorativa, incluse le compagnie, sempre meno in circolazione così come gli intermediari. Il merito va attribuito pure ai numerosi siti web che confrontano i costi delle varie polizze, grazie alla semplice modalità d’utilizzo. Fornita classe di merito, targa del mezzo e altre piccole informazioni viene concessa una speciale classifica sulle migliori proposte relativa alle esigenze dell’automobilista.

COSA VISIONARE – Mentre alcune piattaforme reindirizzano sullo spazio online delle promotrici, altre, grazie ad appositi accordi, concedono la diretta sottoscrizione mediate carta di credito (o altre modalità di pagamento). Mossa astuta si rivela certamente la consultazione dell’Ivass, il cui database rende noti i gruppi legalmente riconosciuti dallo Stato Italiano. Si contano purtroppo all’ordine del giorno proposte RCA a prezzi incredibilmente convenienti, ma che in realtà nascondono truffe.

REPERIBILI OVUNQUE – Le assicurazioni ‘virtuali’, oltre a essere economiche e sicure, permettono invece di risparmiare in tutta sicurezza, pur senza rinunciare all’agente al servizio diretto, contattabile via telefono, e-mail o app per smartphone. Prese in esame le vetture a gasolio, proviamo a prendere come esempio la Peugeot 208 1.6 BlueHDi 120 CV 3 porte Allure (senza modifiche), dedicata al tempo libero, posteggiata di notte in un box privato e dai 10.000 chilometri percorsi all’anno.

FANALINO DI CODA – Contraente e proprietario della vettura un milanese di 38 anni, classe CU 1 da meno di un anno, assicurato durante gli ultimi cinque anni, dove non ha compiuto alcun sinistro e unico conducente. In base ai dati forniti da assicurazione-auto.supermoney.eu le offerte (contratto standard) presentano prezzi fra i più disparati con RSA che si rivela la più dispendiosa a fronte degli 739,50 euro richiesti.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sedici + 12 =