Rivoluzione nell’ambito dell’assicurazione auto. Il Ministero dell’Interno ha emanato una circolare dove autorizza gli automobilisti a esibire il contrassegno in formato digitale o su una sua copia stampata.

CIRCOLARE N.41/2015

Nella circolare il Ministero richiama il provvedimento dell’IVASS (l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni) n.41 del 22 dicembre 2015, con modifica dell’art.10, comma 5, del Regolamento del 2010 per le modalità di rilascio e caratteristiche del certificato di assicurazione. La modifica prevede che “nel caso di stipulazione di contratti di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, la trasmissione del certificato di assicurazione avviene su supporto cartaceo tramite posta o, ove il contraente abbia manifestato il consenso ai sensi del comma 2, su supporto durevole, anche tramite posta elettronica.

ITER SNELLITO

In sede di controllo può essere mostrato alle Forde dell’Ordine anche un certificato di assicurazione in formato digitale o una stampa non originale del formato digitale stesso, senza che il conducente sia sanzionabile per il mancato possesso dell’originale del certificato di assicurazione obbligatoria ai sensi del combinato disposto dell’art. 180, comma I, lettera d) e art. 180, comma 1, C.d.S o senza che, ai sensi dell’art. 180, comma 8 , C.d.S., possa essere richiesta la successiva esibizione di un certificato originale in formato cartaceo.

CONTROLLI INOPERATIVI

Il ‘tagliandino’ non è più obbligatorio esporlo sul parabrezza. Diventa pertanto sempre più problematico certificare se i veicoli siano realmente coperti da assicurazione. In teoria sarebbero dovuti entrare in azione i controlli elettronici con verifica incrociata con la targa. Finora mancano tuttavia i decreti attuativi che permettano di effettuarli tramite i vari tutor o autovelox, ‘bloccati’ dal mancato via libera ministeriale. A ringraziare i proprietari dei 4 milioni di mezzi che circolano in Italia senza Rca. Che d’ora in poi potranno mostrarlo sfruttando la mail nella quale si è ricevuto il certificato. Versione stampabile dalla specifica pagina internet che ogni assicurato ha sul sito delle varie compagnie.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × tre =