Car sharing o auto di proprietà: cosa vogliono i giovani

Una ricerca di ThinkYoung per conto di Goodyear mostra le preferenze dei Millenials europei in fatto di mobilità. La parole d'ordine sono sostenibilità, bassi consumi e pneumatici intelligenti.

Così cantava, nel 1976, Lucio Dalla nella sua celebre “Il motore del 2000” contenuta nell’album “Automobili”.: “Il motore del 2000 sarà bello e lucente. Sarà veloce e silenzioso, sarà un motore delicato. Avrà lo scarico calibrato e un odore che non inquina…. Lo potrà respirare un bambino o una bambina”. Le previsioni del cantautore bolognese non si sono del tutto avverate, ma la Generazione Y, quella dei nati tra il 1980 e il 2000, desidera fortemente un sistema di mobilità sostenibile, caratterizzato da vetture poco inquinanti, pneumatici intelligenti e mezzi pubblici efficienti.

AUTOVETTURE RISPETTOSE DELL’AMBIENTE – A rivelare questo desiderio dei cosiddetti Millennials è lo studio dal titolo “ThinkGoodMobility“, realizzato dal think tank ThinkYoung per conto del noto produttore di pneumatici Goodyear. La maggior parte del campione intervistato, composto da oltre 2.500 universitari europei, ritiene che tra le sfide dell’industria automobilistica la più importante sia la produzione di automezzi dotati di tecnologie rispettose dell’ambiente (59,3%). In seconda battuta la partita dei consumi: il 24,1% desidera autovetture con un motore efficiente e dalle bassissime pretese in fatto di carburante. Grande attenzione anche per gli pneumatici adattativi ed ecosostenibili (18,1%) e la “smart intelligence” delle auto (17,1%). Bocciati, invece, i sistemi driverless: il 77,7% non sederebbe a bordo di una vettura pilotata da un computer neanche avesse piccole difficoltà motorie.

L’AUTO DI PROPRIETA’ E’ UN SOGNO ANCHE PER LA GENERAZIONE Y – La ricerca “ThinkGoodMobility” mostra un altro elemento rilevante in fatto di mobilità, avendo messo a confronto le preferenze tra car sharing e auto di proprietà. L‘85% del campione, ossia una percentuale molto elevata, predilige guidare un mezzo proprio, a patto sia poco inquinante, piuttosto che fruire di un servizio di car sharing. Questa percentuale sale al 90% tra i giovani italiani: l’automobile di proprietà resta uno dei massimi desideri anche per la Generazione Y (sebbene non escluda di usare il car sharing alla bisogna). I Millenials italiani, tuttavia, ritengono molto importante anche il miglioramento dei servizi di trasporto pubblico (41,8%) e vorrebbe anche un tetto per le emissioni di agenti inquinanti da parte delle autovetture (42,5%) con tanto di multe salate per chi non lo supera.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 + 11 =