Serve un passaggio? Tra poco arriverà GO-there, l’applicazione che ti porta dove vuoi

Attraverso questa nuova app per smartphone è possibile ricevere o dare un passaggio a destinazione, o gratuitamente o pagando un altro utente.

Una volta esisteva il famoso “autostop”. Pollice fuori sul bordo della strada, zaino in spalla e capelli al vento sperando che qualche automobilista magnanimo si fermasse. Oggi ecco la svolta 2.0. E’ pronta a sbarcare nell’era digitale una nuova applicazione per smartphone, GO-there, che consentirà di offrire passaggi o riceverli a pagamento o gratuitamente.

Progetto

Solo pochi giorni fa è partita la raccolta fondi su Indiegogo per trovare i soldi necessari per ultimare GO-there. Responsabile dello sviluppo del progetto è Francesco Mantovani. Due le modalità d’applicazione: una chiamata “Ride mode”, per chi vuole proporre il servizio in cambio di un compenso e l’altra sarà “ Hitch-hike mode” dedicata a chi offre passaggi gratis.

Come funzionerà Ride mode

Dalla mappa che apparirà sullo schermo dello smartphone, gli utenti potranno vedere geolocalizzati tutti coloro che vogliono offrire un passaggio con la propria auto. Il prezzo del passaggio viene calcolato dall’applicazione istantaneamente. Sarà possibile pagare con PayPal, carta di credito o in contanti.

Come funzionerà Hitch-hike

Al contrario, questa seconda modalità individua le persone che passano, in un determinato momento, vicino all’utilizzatore dell’app e che stanno andando nella tratta impostata. Se, per esempio, avete bisogno di un passaggio, potete chiamare il proprietario del mezzo e chiedergli se vuole accompagnarvi gratuitamente. Un “autostop virtuale”, potremmo definirlo.

Obiettivi

L’ideatore dell’applicazione Francesco Mantovani e il suo team sono ambiziosi e puntano a traguardi ben precisi. Innanzitutto raggiungere 30.000 dollari per sviluppare, avere le concessioni dai server e le licenze. Poi 60.000 dollari per completare il progetto e 100.000 per diffonderlo in vari Paesi del mondo ampliandolo alle diverse lingue.

Leggi anche:

 

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]