App per far annullare le multe: come impugnare la pratica ed evitare di pagare

E' ora disponibile un'app che aiuta gli utenti a ottenere l'annullamento di una multa ritenuta ingiusta

COSA FARE IN CASO DI MULTA NON GRADITA. Ricevere una multa è spesso ritenuta una seccatura, non solo perché si tratta di un importo imprevisto da pagare, ma anche perché spesso si pensa di essere vittime di un’ingiustizia. Cosa fare quindi in questi casi? Il problema può essere ora risolto grazie al supporto della tecnologia, ormai compagna costante nelle vite di tutti noi. E’ infatti disponibile un‘app per far annullare le multe chiamata “Do not pay”. A rivelare la novità è lo Studio Cataldi, che sottolinea la possibilità di contare su una sorta di avvocato virtuale a disposizione dell’utente. Il servizio, ideato da uno studente di Stanford, punta ad assistere il guidatore nella procedura di contestazione delle sanzioni. Sono già in tanti a esserne entusiasti in metropoli come Londra e New York.

UN SUPPORTO EFFICACE E TEMPESTIVO. Sono ormai trascorsi due anni dal momento in cui l’app per far annullare le multe ha iniziato a essere utilizzata. Su oltre 250 mila casi analizzati, infatti, sono stati 160 mila i verbali contestati e poi annullati per parcheggio non pagato o divieto di sosta. Questo significa che “Do not pay” ha avuto successo nel 64% dei casi. Numeri di questo tipo spesso non vengono raggiunti nemmeno dal migliore dei legali. I vantaggi non sono finiti qui: il servizio, infatti, consente di evitare di pagare l’importo previsto per la sanzione senza avere a che fare con le spese elevate di un legale.

COME FUNZIONA L’APP. Vediamo però meglio come sia possibile per un automobilista muoversi tempestivamente per annullare una multa ingiusta. L’app è descritta dal fondatore come “il primo avvocato robot del mondo” e rappresenta quindi una notevole svolta in ambito legale. L’intelligenza artificiale di cui è dotata dialoga via chat con l’utente per capire meglio le motivazioni della multa. A quel punto l’utente otterrà una serie di istruzioni su come agire per impugnare la pratica. Le informazioni a quel punto vengono acquisite e i casi valutati singolarmente. Questo permetterà così di predisporre l’appello online nei confronti dell’agenzia che gestisce i parcheggi.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette + 20 =