Allarme sicurezza negli USA: autista Uber prende a martellate un cliente

Uber
Uber

Notte violenta a San Francisco.

Cronaca dell’accaduto

Sono circa le due del mattino quando Patrick Karajah, 26 anni, autista del tanto chiacchierato Uber, va a prendere dei clienti che lo hanno appena chiamato. Ricordiamo che Uber è l’applicazione californiana che consente di noleggiare un’auto con conducente attraverso uno smartphone. Si può prenotare una macchina a qualsiasi ora del giorno e della notte utilizzando la semplice app a basso costo.

Secondo il San Francisco Chronicle, i ragazzi che aspettavano la vettura fuori dal locale erano in tre. Salgono in macchina e, mentre stanno percorrendo il tragitto, il conducente inizia un’accesa discussione con uno dei giovani. Patrick si ferma, fa scendere i clienti dall’auto, prende un martello e colpisce con violenza uno dei passeggeri che è stato subito portato in ospedale.

Conseguenze

Il giovane aggredito non è in pericolo di vita ma la funzionalità di un occhio è stata seriamente compromessa.

L’autista di Uber è stato subito arrestato e sospeso dal servizio.

Dopo la vicenda la società californiana ha annunciato, con un comunicato stampa, che la sicurezza resta l’obiettivo più importante dell’azienda.

 

Polemiche, quindi, non solo nel nostro Paese ma anche oltreoceano. Solo qualche giorno fa, infatti, le procure di San Francisco e Los Angeles avevano chiesto una maggior attenzione nella scelta degli autisti a servizi come Lyft, Uber e Sidecar. 

Violenza a Milano

Ma violenze per il caso Uber si sono verificate da poco anche in Italia. Qualche giorno fa arriva la notizia di una lite tra due tassisti e un autista di Uber nel cuore di Milano. Questa volta sembra essere nato tutto da un battibecco sull’applicazione e sulla sua presunta illegalità. Oltre a scioperi e manifestazioni, stiamo assistendo ad una vera e propria mobilitazione  e rivolta contro il servizio. La Germania si schiera per il no, l’Italia cerca con fatica di trovare un compromesso tra i sindacati dei tassisti e l’applicazione. Chi avrà la meglio? Continueremo seguire gli sviluppi.

 

 

 

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]