Una delle attrazioni principali del Motor Show 2016 che si è concluso solo da pochi giorni è stata la Noble M600, la supercar della casa inglese. Il modello appassionerà certamente chi non ama badare a spese.

Noble – Storia e attenzione per il mercato italiano

La Noble è stata fondata da Lee Noble a Barwell nella regione dei Leicestershire, una zona conosciuta attualmente dagli appassionati di calcio anche per la squadra del Leicester. Sin dal 1999, anno di fondazione, gli inglesi puntano a realizzare vetture ad alte prestazioni con motore posteriore-centrale e trazione posteriore.

La scelta della casa automobilistica di presenziare al Motor Show 2016 è la dimostrazione della voglia di emergere anche in Italia. Il Salone nostrano, infatti, è spesso una tappa quasi obbligata per un vero appassionato. E’ l’occasione per vedere dal vivo i nuovi modelli che stanno per arrivare sul mercato. Vedere da vicino le vetture permette anche di apprezzarne le caratteristiche.

Noble M600: disponibile anche carbon look

La Noble M600, pur avendo una storia breve (nasce nel 2011) ha catturato l’interesse di numerosi appassionati. Tra le caratteristiche salienti spicca la carrozzeria realizzata interamente in fibra di carbonio. Questa scelta ha permesso di contenere il peso in 1.250 kg. La leggerezza è resa possibile anche dall‘assenza di qualsiasi sistema di assistenza alla guida tipo ABS e ESP. Un aspetto che potrebbe però generare critiche nei confronti di questa supercar. L’unico controllo presente, infatti, è quello di trazione, disattivabile dal conducente, oltre alla possibilità di variare la pressione del turbo.

Il suo motore è un V8 4.4 biturbo Yamaha Judd, che eroga una potenza massima di 662 CV con 818 Nm di coppia. Non manca il cambio manuale a sei rapporti.

La vettura è in grado di raggiungere una velocità massima di 362 km/h. Si riesce invece a passare da 0 a 100 km/h in soli 3 secondi. E’ possibile scegliere tra tre diverse versioni: Coupé, Carbonsport (una coupé con carrozzeria interamente carbon look) e Speedster.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 + 14 =