Liti al volante: le motivazioni delle discussioni, le differenze di sesso e tra Nord e Sud

Una ricerca ha messo in evidenza le motivazioni che sono causa di litigio quando ci si trova al volante. Si riscontrano anche differenze tra donne e uomini e tra Nord e Sud

Quando ci si deve spostare in auto, soprattutto in caso di viaggio lungo, ci si augura che tutto proceda per il meglio. Le liti al volante sono però più numerose di quello che potremmo pensare. Nell’ultimo anno, infatti, hanno vissuto questa situazione più di venti milioni di persone.

Mantenere la calma in auto non è semplice

Sarà capitato a tutti di innervosirsi in auto a causa della guida spericolata o troppo lenta di un altro conducente. Ci sono però situazioni in cui questo sfocia però in una lite vera e propria. E capita più freqentemente di quello che potremmo pensare. A sottolinearlo è una ricerca commissionata a mUp Research da Facile.it. Secondo i dati raccolti, infatti, nell’ultimo anno sono state ben 20,9 milioni le persone che sono rimaste coinvolte in una discussione per strada. Pur trattandosi di un numero particolarmente alto, si riscontra un calo rispetto al 2009, quando il problema aveva riguardato più di 28 milioni di utenti.

Un problema soprattutto femminile

La ricerca ha permesso di mettere in evidenza anche le motivazioni maggiori che causano le liti al volante. Il 32% delle persone intervistate ha rivelato di essersi arrabbiato per una mancata precedenza, mentre il 27% dice di essere infastidito da manovre pericolose. Il 25% ha invece raccontato di essere spesso nervoso a causa del comportamento sconsiderato dei pedoni.

E’ possibile inoltre tracciare una diversità nelle reazioni tra i due sessi. Sono infatti soprattutto le donne quelle che si innervosiscono più facilmente (63% delle appartenenti al sesso femminile, contro il 61% dei maschi). Nonostante questo, le femmine dimostrano di essere più pazienti quando sono costrette ad aspettare. In caso di un’ostruzione al passaggio di una carreggiata si arrabbiano ad esempio il 16% delle donne rispetto al 20% degli uomini.

Più nervosi i guidatori del Sud

Un’ulteriore differenza nel comportamento al volante la possiamo riscontrare tra le varie zone della nostra Penisola. L’analisi mette in evidenza anche come via via che si va al Sud l’animo al volante sia più animato. Le liti al volante, infatti, hanno coinvolto il 56,5% dei residenti al Nord, il 64% dei residenti al Centro ed il 68% dei residenti nel Sud o nelle isole.

Al Sud è il parcheggio in doppia fila il comportamento meno tollerato:. Il 33% delle persone è rimasto coinvolto in una discussione nell’ultimo anno per questa ragione. La stessa percentuale si riscontra anche al Centro. Solo il 10% lo ha fatto invece nel Nord Est.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

18 − 1 =