Coppa Franco Mazzotti, torna la classica che rievoca il gran premio di Brescia del 1940

Riservata ad auto d’epoca, la corsa vuole ripercorrere il tracciato della mitica 13esima edizione della MilleMiglia nel triangolo tra le province di Brescia, Cremona e Mantova

Coppa Franco Mazzotti
Coppa Franco Mazzotti

Torna l’appuntamento domani con la sesta edizione della Coppa Franco Mazzotti, la gara di regolarità per auto d’epoca che rievoca il classico della tradizione lombarda per veicoli storici: il gran premio Brescia del 1940. Il percorso ricalcherà quello affrontato per l’allora Mille Miglia di 74 anni fa: si partirà da Brescia per transitare nelle province di Cremona e Mantova e fare poi ritorno a Brescia al termine delle 52 prove cronometrate. L’unica pausa sarà per il pranzo a Villa Mazzotti di Chiari.

La storia del gran premio di Brescia

Il gran premio di Brescia del 1940 è una tappa storica per l’automobilismo italiano: dopo gli incidenti del 1938 alla Mille Miglia, fu proibito disputare la corsa sulle strade cittadine, così l’edizione del 1939 venne cancellata. Ma la passione per la Mille Miglia non poteva tramontare e così nel 1940 si studiò questo nuovo percorso per venire incontro alle esigenze istituzionali. L’Europa era già in guerra quando questa corsa ebbe luogo in un paesaggio fantastico, con un tracciato molto veloce da ripetersi per nove volte di modo da superare il traguardo delle mille miglia. La gara non si svolse quindi lungo lo stivale ma in una sorta di enorme circuito tra le tre province lombarde. Vinse una Bmw 328 capace di arrivare anche a 210 chilometri orari, un’enormità per l’epoca.  Quando l’Italia entrò in guerra il 10 giugno successivo tutte le manifestazioni vennero bloccate e il gran premio di Brescia rimase un unicum nel panorama sportivo italiano. Almeno fino a pochi anni fa quando si è riscoperto questa tradizione e si è deciso di rilanciarla.

Il Challenge Aido Autostoriche

La gara fa parte di un calendario di gare organizzato dall’Aido, il Challenge Aido Autostoriche, che prevede cinque gare di regolarità per vetture d’epoca che coniugano la passione per i motori con la volontà di diffondere il messaggio di solidarietà che l’Aido ha nel proprio statuto fondativo. Il prossimi due appuntamenti sono previsti nel 2015: il 22 marzo ci sarà la seconda edizione del Trofeo Foresti e infine ad aprile la Coppa dei Castelli pavesi.

Leggi anche:

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]