Seat Leon: al Salone di Ginevra Ginevra con la turismo Cupracer

Il 2.0 TSI eroga 300 e 350 cavalli

Protagonista al Salone di Ginevra la Seat Leon Cupra. 300 Cv per 380 Nm, è la Seat stradale più veloce mai costruita.

Scatto bruciante

Accelerazione da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi, il più recente e potente membro della famiglia Cupra regala intensità, sportività e dinamismo. Ma anche più praticità e versatilità grazie alle tre versioni disponibili: 5 Porte, SC coupé e la familiare ST. Come ogni Cupra, l’ultima nata si distingue per il connubio perfetto tra passione e razionalità. Una solida combinazione di design sportivo, tecnologia avanzata, comfort e un’eccezionale risposta dinamica.

Cupracer, la Seat da competizione

Oltre a Leon Cupra da 300 CV, nello stand Seat è stata esposta anche una spettacolare versione dagli esterni in grigio opaco e interni in fibra di carbonio, con alcuni dettagli estetici in color rame sia all’esterno sia all’interno. Si tratta ovviamente della corsaiola Nuova Leon Cupracer Evo 17. La versione da gara scenderà in pista nel campionato internazionale TCR. Due versioni proposte, una con cambio DSG e l’altra con cambio manuale sequenziale. Stesso propulsore – il 2.0 Tsi – della versione di serie, pur ovviamente più potente. Erogati 350 CV (20 CV in più rispetto alla versione del 2016) e 420 Nm di coppia massima.

Seat Leon Cupracer, la signora del turismo

In vista della prossima stagione sono stati fatti dei perfezionamenti. Esempio all’impianto frenante (incluso anche il sistema di controllo), con lo sviluppo di un ABS e un ESC per migliorare la maneggevolezza. Esigenze di pilota e pista che la Cupracer appaga senza se e senza ma, con trazione anteriore e differenziale elettroidraulico VAQ autobloccante, freni a disco anteriori da 378 mm di diametro con pinze a 6 pistoncini e dischi posteriori da 272 mm. La ripartizione della forza di frenata e la barra antirollio possono essere regolate, così come la campanatura e la convergenza delle sospensioni anteriori McPherson e l’altezza e campanatura delle sospensioni posteriori (multi-braccio).

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × 5 =