Renault Captur 2016 prova su strada: commenti, impressioni, debolezze, recensione completa.

Baule mediocre, il design e le strumentazioni sono i pregi maggiori

Commentare Renault Captur significa analizzare uno fra i crossover più compatti  della categoria. Noi di AutoToday ci siamo serviti della prova su strada per illustrarvi le caratteristiche chiave.

ESTERNI – Scrutato il look, è doveroso ammetterlo: i produttori hanno realizzato un modello davvero unico. Linee tondeggianti, il cofano corto e alto col grande logo sulla mascherina sono caratteristiche peculiari, così come la carrozzeria bicolore. Le protezioni in plastica lungo gli archi dei parafanghi la avvicinano ai SUV.

INTERNI – Piacevole l’abitacolo sia davanti che dietro, dove è possibile stare piuttosto comodi anche in tre. Gli interni d’altronde non lasciano nulla al caso: parti in carbonio, comandi stereo sul volante, sistema multimediale touchscreen R-Link – se volete ascoltare musica dovrete inserire la chiavetta USB-  e vano portaoggetti a cassetto gli elementi distintivi. I materiali risultano comunque piuttosto di bassa qualità persino per le plastiche negli inserti del volante, dai bordi affilati. Meriterebbe di essere più in vista il tasto “Eco”, posizionato in mezzo ai sedili.  L’aria condizionata a controllo elettronico è regolabile attraverso una grande rotella sotto il quadro del navigatore.

PRESTAZIONI – L’ampio baule pecca in eleganza e soglia di carico. Il piano regolabile su due livelli è un’indovinata soluzione che permette di sfruttare quasi 60 cm dal fondo alla cappelliera. Il tetto non prevede barre longitudinali dove montare portabici o portasci. La visibilità, comunque ottima, lascia a desiderare quando ci si gira a controllare i veicoli che vengono da destra nelle precedenze. Testato “Project Runaway” dCi 90Cv EVC, l’allestimento top della gamma, la guidabilità risulta migliore se tenuto il mezzo a basse velocità, complice lo sterzo morbido e i sensori di parcheggio con telecamera posteriore, ottimi nelle manovre più insidiose. Erogazione sulla spinta fluida, la frenata risponde efficacemente, ma nel momento in cui cerchiamo di incrementarne la velocità notiamo dei limiti.

 

 

 

­­

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 19 Media: 3.2]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × 2 =