Fiat Punto 2016 prova su strada: vettura che non tramonta mai

Rilassante, è complicato metterci su i bagagli

Chissà a quanti papà si illumineranno gli occhi nel pensare alla Fiat Punto, icona di più generazioni e pronta a uscire con una nuova versione l’anno che verrà. Noi di AutoToday ci siamo concentrati sull’ultima per capirne pro e contro, commisurati all’epoca moderna.

ESTERNI – Linea conservata da oltre un decennio, è scontato che sia rimasta indietro ai canoni estetici ora forti sul mercato, ma ancora oggi i tratti appaiono gradevoli e pure eleganti. Paragonata alla precedente Punto Evo, sono stati eliminati gli inserti nel paraurti e il baffo cromato lungo il frontale. Design filante, le due porte posteriori sono integrate in modo equilibrato nel corpo vettura. I gusci degli specchi retrovisori e i paraurti verniciati nel colore della carrozzeria sortiscono buon effetto, tuttavia facilmente graffiabili. Vezzo estetico il piccolo vetro davanti alla porta anteriore.

INTERNI – La plancia lascia un positivo impatto e i sedili anteriori assomigliano a poltrone talmente sono comode. Nell’eventualità di una guida energica, tengono inoltre opportunamente conducente e passeggero tramite i fianchi pronunciati su gambe e schiena. Quello di chi sta al volante è regolabile in altezza. Il divano posteriore può accogliere tre persone adulte medio/alte senza generare impiccio alle gambe. Presso il blocco centrale largo ai comandi autoradio, completati da prese aux e Usb, la cui collocazione non è esente da critiche. Collegati l’efficiente sistema Bluetooth “Blue&Me” e il navigatore “TomTom”, utilizzabile anche attraverso i comandi vocali. Di facile lettura il cruscotto, riguardo al cruise control fatichiamo ad arrivarci dato il posizionamento sotto le leve delle frecce/fari. Poco sfruttabile il cassetto porta oggetti.

PRESTAZIONI – Il carico utile del bagagliaio (275/1030 litri) pecca come soglia, così alta da creare un gradino di ben 24 cm rispetto al pavimento. Utilizzato l’1.3 MultiJet II 85 CV, sterzo e sospensioni sono adeguati malgrado l’aderenza sia perfezionabile, stesso discorso per l’impianto frenante.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 5 Media: 3.4]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

16 − sette =