Volvo Sensor Fusion, la visione a 360 gradi intorno alla vettura per prevenire incidenti

La tecnologia di telecamere, infrarossi e Gps permetterà agli automobilisti di vedere oltre gli ostacoli del parabrezza e avere una visione completa di ciò che sta succedendo intorno a loro

Volvo Sensor Fusion
Volvo Sensor Fusion

Volvo continua nel proprio sforzo per migliorare la sicurezza e la tecnologia a bordo delle proprie vetture e lancia il sistema Volvo Sensor Fusion. L’alta tecnologia della società svedese (controllata da un’azienda cinese) permetterà agli automobilisti di vedere oltre gli ostacoli del parabrezza e avere una visione a 360 gradi di ciò che sta succedendo intorno a loro. Con una calibrazione di Gps, telecamere e infrarossi, il computer di bordo mostrerà al guidatore tutti i potenziali oggetti pericolosi che si trovano lungo la strada, anche quelli che il conducente non è in grado di vedere perché coperto dal montante dello sportello o semplicemente perché lo sguardo è concentrato altrove.

Come funziona

Il sistema diventerà presto integrato a bordo delle Volvo e inizialmente segnalerà le situazioni di pericolo con un segnale visivo e acustico, in futuro (neanche troppo lontano) potrebbe intervenire direttamente sui comandi nel caso l’auto e la vita del conducente siano messe a repentaglio. Il computer di bordo sarà in grado di frenare automaticamente e di controllare lo sterzo esattamente come se si trattasse di una self driving car. Bisognerà vedere quanto sarà sensile questo meccanismo e quando i tecnici Volvo decideranno di farlo entrare in funzione perché un eventuale malfunzionamento potrebbe causare più danni che prevenirli. Allo stesso modo se il guidatore si fosse accorto del pericolo e stesse intervenendo, l’aiuto del computer potrebbe causare l’effetto opposto. Ma sono ipotesi che gli ingegneri svedesi hanno già preso in considerazione e sulle quali stanno già lavorando.

Volvo Sensor Fusion è solo l’ultima evoluzione della Casa svedese

La nuova tecnologia dovrebbe entrare in funzione sui primi modelli a partire dal 2020 e fa parte di un grosso progetto di Volvo che ha investito molto sulla tecnologia per cercare di aumentare al massimo il livello di sicurezza a bordo delle loro auto. Basti pensare al sistema Lane Keeping Aid, che aiuta il veicolo a mantenersi in carreggiata grazie a un sistema di telecamere e infrarossi che leggono le linee stradali e correggono la direzione del veicolo affinché non esca dalla corsia. Oppure al Driver Alert Control che in virtù di un sensore montato sul volante permette di leggere i sintomi della stanchezza e avvisa il guidatore di fermarsi e riposare, collegato al Rest Stop Guidance, che individua le aree di sosta e consiglia all’automobilista di accostare e dormire.

Leggi anche:

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]