Uber vince la prima battaglia: a Londra è legale

Il servizio di taxi via smartphone ottiene il primo riconoscimento dall’azienda trsporti londinese, per il via libera definitivo serve l’assenso della High Court of Justice

Il marchio Uber ottiene il primo riconoscimento: è legale a Londra
Il marchio Uber ottiene il primo riconoscimento: è legale a Londra

Uber è legale a Londra e può continuare a svolgere le proprie attività. La società multinazionale che opera nel settore dei trasporti ha ricevuto l’ok dalla Transport for London, l’azienda comunale dei trasporti, che ha chiesto alla High Court of Justice di esprimersi in tal senso. Un pronunciamento che apre la strada al servizio di taxi privato, che tanto aveva fatto infuriare la categoria un po’ in tutto il mondo.

Al contrario di quanto sostenuto dai tassisti, un’applicazione per smartphone non è paragonabile ad un tassametro e quindi non necessita di una licenza per svolgere questa attività. Una rivoluzione. Lo scorso 11 giugno erano scesi in piazza più di 12mila tassisti solo a Londra per manifestare contro Uber, la “concorrenza sleale” che mette a repentaglio il monopolio dei tassisti con licenza. La decisione finale spetterà alla High Court of Justice che si pronuncerà solo tra qualche mese.

Anche a Milano recentemente uno sciopero di massa del servizio e violenze e intimidazioni ai danni degli autisti di Uber hanno fatto pensare che sia necessario un’immediata decisione da parte del governo a favore o contro l’app.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]