Tecnologie BMW: cosa bolle in pentola

Dall'Open Mobility Cloud all'intrattenimeto post-guida autonoma. La Casa dell'Elica è già nel futuro

Ogni viaggio è un’esperienza. È lo slogan di BMW Connected, il servizio che rende i modelli bavaresi sempre più interconnessi, parte integranti delle tecnologie BMW.

Open Mobility Cloud

Un ruolo centrale nelle nuove proposte è dell’Open Mobility Cloud. Costruita su Microsoft Azure, può elaborare i dati provenienti da molteplici fonti. L’utente è quindi in grado visualizzare solo le informazioni più appropriate al momento opportuno. Oggi è già disponibile in ventinove Paesi. Fra i device collegabili gli smartphone (iOs e Android), Apple Watch e Samsung Gear (S2 e S3) e Amazon Echo. Meritevole di una menzione speciale il servizio Amazon’s Alexa: consente di visualizzare il livello di carburante, bloccare il veicolo o attivare la ventilazione direttamente da propria abitazione, e utilizzare i comandi vocali. Alexa rende monitorabili gli aggiornamenti del giorno e pianificare un orario. Con orari di partenza ottimali per arrivare in tempo a seconda del traffico.

Tecnologie BMW: ti dicono quando andare dal meccanico

BMW Connect avrà anche un servizio per avvisare quando il veicolo richiederà la manutenzione ordinaria. L’utente troverà una scelta di appuntamenti all’officina autorizzata: una volta prenotati, possono essere aggiunti al computer di bordo, così da ricevere notifica pochi giorni prima. In sperimentazione nel Regno Unito, il lancio è atteso da metà 2017. La partnership insieme a Intel e Mobileye porterà invece su strada 40 Serie 7 a guida autonoma. Previste dal prossimo giugno, la connessione 5G farà da “ponte” fra auto e la rete.

L’intrattenimento dopo la guida autonoma

“Abbiamo aperto gli occhi al cervello che guida l’auto connessa”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Intel Brian Krzanich. “Se vuoi costruire un’auto davvero a guida autonoma, sei costretto a stringere accordi con altre aziende per condividere dati e risorse”, aveva invece commentato l’amministratore delegato di Mobileye in un’intervista dello scorso gennaio. BMW sta studiando nel frattempo nuove modalità d’intrattenimento per quando la guida autonoma sarà la normalità. In collaborazione ad Amazon Prime, un servizio con cui stabilire un punto di consegna di un acquisto sull’itinerario di viaggio.

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × cinque =