Guida autonoma: parcheggio con lo smartphone

Clarion e Hitachi hanno studiato un modo per parcheggiare l'auto con dispositivi Android

Clarion e Hitachi si coalizzono, annunciando un sistema per il parcheggio delle auto a guida autonoma.

Lo smartphone fa da telecomando

Con un device Android, il guidatore può uscire dal veicolo ed utilizzare il proprio smartphone per accompagnare l’auto nella delicata fase del parcheggio, in parallelo e ad inserzione perpendicolare. Il telecomando consente di guidare il veicolo, grazie all’instaurazione di una comunicazione Wi-Fi tra lo smartphone e il sistema installato all’interno del veicolo. Clarion e Hitachi hanno messo a punto un insieme di telecamere SurroundEye e sonar. Garantiscono un altissimo livello di precisione, anche in condizioni ambientali non favorevoli.

Immagini in tempo reale

Il conducente può visualizzare in tempo reale le immagini video della zona a prossimità del veicolo. Ed è in grado di manovrare l’esatta traiettoria intrapresa dall’automobile, in tutta sicurezza. L’interfaccia dell’applicazione si dimostra intuitiva e dispone di una vasta scelta di opzioni di parcheggio. Aiuta così il conducente anche negli spazi più stretti, come quelli di un garage. Al momento il sistema funziona unicamente con Android ma l’obiettivo è di estendere la compatibilità a tutti gli altri sistemi operativi.

Succede all’Autopilot della Tesla

La sicurezza è prioritaria: in caso di pericolo, la manovra può essere immediatamente interrotta ed esiste una tecnologia di blocco automatico che si attiva se i sensori individuano un pedone o un altro tipo di ostacolo in prossimità. Inoltre, il conducente può lanciare il sistema di parcheggio automatico anche dall’interno dell’automobile, utilizzando la stazione di navigazione. Quest’innovazione è il risultato dell’esperienza maturata dalle due aziende nei rispettivi settori di competenza: la tecnologia per la guida automatica combinata alla tecnologia per il riconoscimento delle immagini video. Soluzione che non è del tutto una novità: Tesla lo propone ad esempio col pacchetto Autopilot.

 

Come giudichi l'articolo?
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × quattro =